mercoledì 1 agosto 2012

Victor Hugo a Pasaia. Un soggiorno di gioie e di indelebili dolori



L'attuale porto commerciale di San Sebastian è ubicato a Pasaia, piccolo comune nei pressi della famosa località balneare, capoluogo della provincia atlantica spagnolo-basca di Guipuzcoa.
La prima testimonianza ufficiale di questo suggestivo borgo risale al 1512 ed è strettamente legata al veneziano Andrea Navagero, diplomatico al servizio della Serenissima ma soprattutto poeta, stagista e instancabile viaggiatore.





Il Navagero, morto a Blois nel 1529 mentre era ambasciatore presso Francesco I  di Valois, deve la sua notorietà ad un dipinto di Raffaello eseguito nel 1516 a Roma ( oggi presso la Galleria Doria- Pamphili), che lo ritrae insieme all'umanista trevigiano Agostini Beazzano, di ritorno da una gita a Tivoli con lo scrittore mantovano Baldassarre Castiglione  e il letterato veneziano Pietro Bembo.






Da Pasaia  il 26 aprile 1777 , Marie Joseph-Paul de Motier, marchese di Lafayette, partì alla volta delle colonie americane per raggiungere a Georgetown il generale Washington, contribuendo alla guerra d'indipendenza contro l'odiata Inghilterra.






Ancora, tra gli altri soggiornarono a più riprese  a Pasaia gli scrittori francesi Henry Beyle, più noto come Stendhal, e Gustave Flaubert, il naturalista tedesco Alexander Humboldt e lo storico francese Hippolite-Adolphe Taine, noto in Italia per una pubblicazione ( Voyage en Italie del 1864) che sarà la guida artistica di riferimento del nostro Paese fino alla prima guerra mondiale.







Pasaia, infine, ha rappresentato per secoli una tappa fondamentale per raggiungere  Santiago de Compostela attraverso un percorso alternativo, meno difficile durante l'inverno e l'Eremo di Sant'Anna ubicato in alto rispetto all'abitato ne è una valida testimonianza.







Ma il personaggio che più di ogni altro ha lasciato tracce indelebili a Pasaia è stato certamente Victor- Marie Hugo, nato a Besancon nel 1802.











La gente del luogo gli ha dedicato un museo che  celebra le sue permanenze con le gioiose e drammatiche vicende che hanno caratterizzato la sua vita in quei periodi, ad iniziare dall'attività di commediografo con l'Hernani del 1830 ( musicato poi da Giuseppe Verdi nel 1844 su libretto di Francesco Maria Piave )e il grande successo come scrittore con Notre Dame de Paris del 1831, ma purtroppo  anche dalla notizia nel settembre 1843 quando, dalle pagine di un giornale trovato per caso, apprese della morte della figlia Leopoldine, annegata durante una gita sulla Senna, e del genero Charles  Vacquerie, suicida per non essere riuscito a salvare la giovanissima moglie.








Il dolore, già messo a dura prova  dalla morte prematura del primogenito Leopold, fu straziante per un matrimonio infelice sostenuto soltanto dal comune ricordo dei figli scomparsi.






Hugo smise ogni iniziativa letteraria per i successivi 10 anni e soltanto nel 1853 riprese la sua attività con una raccolta di poesie, Chatiments (Castighi ) , che tornò a riproporlo alle cronache del tempo.







Negli anni successivi sino alla morte avvenuta il 31 maggio 1885, Hugo rimase in esilio fino al 1870 e poi prevalentemente a Parigi, stremato dalla morte della moglie nel 1868, dei figli Charles ( 1871 ) e Grancois- Victor (1873 ) e della fedele compagna Juliette dROUET (1883 ) , con la sola figlia Adele sopravvissutagli  ma rinchiusa in manicomio fin da giovane.
Davvero un'intensa vita letteraria scandita dal dolore.



( S.De Benedetti, Libero )

14 commenti:

  1. Belli i panorami, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIAO sIMO, BUONA GIORNATA ANCHE A TE, ANZI, ORMAI , BUONA SERATA.
      Antonella

      Elimina
  2. woooooow Antonella,
    quante cose mi hai fatto scoprire,l'ho detto che il tuo blog è una fonte di sapere. Grazie per averci fatto ripercorrere attraverso la storia e i personaggi illustri,Pasaia,facendocela scoprire e vedere sotto un'altra ottica.
    Victor Hugo...io l'ho amato da ragazza,di tutta la letteratura francese è il preferito dopo Baudelaire,quanti pianti con il Gobbo di Notre Dame. Poi da quando Coccianti la messo in musica,non ti dico,sò ogni singola parola ahuahuahuahau
    Bellissimo poste grazie come sempre :D
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, grazie dei tuoi complimenti sempre bellissimi.
      Anche a me piace tantissimo Baudelaire e poi Gide.
      Non ho visto l'opera di Cocciante ma adoro il cartone della Disney!
      Cia o, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  3. Ciao Antonella,
    sono tua nuova follower :-)
    Ti seguirò con interesse, io ho la passione per tutto ciò che riguarda il passato.
    a presto!!!

    Laura
    www.decoranticart.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, benvenuta nel mio blog e tra i miei lettori, sono felice di averti tra noi. Passerò sta sera o domani a ricambiare la tua gradita visita. A presto.
      Antonella

      Elimina
  4. grazie Antonella,per tutte queste dotte informazioni.Serena notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabe, sono piccole storie che leggo qua e là, che mi colpiscono e che mi piace condividere. Dolce notte anche a te.
      Antonella

      Elimina
  5. Un grandissimo personaggio con una vita intrisa di dolore.Come si diceva qualche post fa, i forti sentimenti sono quelli che inducono noi esseri umani a fare opere meravigliose oppure ci annientano, forse la forza sta nel trovare un equilibrio per continuare come del resto facciamo tutti e anche lo stesso Hugo.
    ciao Antonella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, scusa il ritardo...è vero tutti alla fine cerchiamo un equilibrio per continuare perchè prima o poi il dolore bussa alla nostra porta, o soccombi
      o cerchi il modo di tornare a vivere anche se una parte di te muore.
      Un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  6. Amo moltissimo Hugo e la sua vita, cosi' intensa. Ieri sono stata a Parigi, dal bateau mouche ho visto la cattedrale di Notre Dame. Proprio in quel momento le campane si sono messe a suonare. Magico. Ho pensato a Quasimodo e a Victor Hugo.

    RispondiElimina
  7. Ciao, che bello ieri sei stata a Parigi...immagino che sarà stato meraviglioso, mi sembra quasi di sentire quelle campane che suonano. Che coincidenza che io ieri abbia pubblicato questo post! Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  8. come mi piacerebbe un giorno vedere l'Atlantico :) nn so... mi suggerisce sensazioni così particolari... la grandezza dell'Oceano... avventure mitiche come la scoperta dell'America... :) nn sapevo che Victor Hugo avesse avuto così tanti dolori e lutti... devo approfondire meglio la sua conoscenza...

    RispondiElimina
  9. Ciao Domenico, anche per me questa storia è stata una scoperta recente, davvero una vita piena di sofferenze che nn immaginavo. L'Alantico ho avuto la fortuna di navigarlo per due volte, una volta a nord e una volta a sud e la sua grandezza mi ha affascinata. Ciao Domenico,grazie di essere passato, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")