mercoledì 24 aprile 2013

Shelley, A Jane: le stelle acuminate scintillavano



Le stelle acuminate scintillavano
e bella la luna sorgeva in mezzo a loro, cara
Jane!
La chitarra tintinnava, ma le sue note
non furon dolci finchè tu non cantasti
ancora.


Come il soffice splendore della luna
è teso sulla fredda stellata pallida
luce del cielo
la tua voce così tenera ha donato
alle corde immacolate allora
il suo splendore.


Le stelle si risveglieranno, la 
luna dorme un'ora in più questa
notte.
Neanche una foglia sarà scossa, mentre
le rugiade del tuo canto spargono
gioia.


E anche se il suono domina, tu
canta ancora, tu che con la cara voce sveli
un tono
in qualche mondo lontano dal nostro, dove
musica, luce di luna, senso
si fondono.
( Percy Bysshe Shelley )
( Notte stellata sul Rodano, Van Gogh )




33 commenti:

  1. C'è "poesia" sul tuo blog stamattina Antonella!
    Bel connubio tra parole e immagine ...beh... La notte stellata di Van Gogh ...veleggia nel mio blog!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Ciao Pino, sì, l'ho vista veleggiare sul tuo blog. Grande Shelley, ti piace?
    Ti auguro una buona giornata, la mia sarà una lotta con la tosse e il mal di gola...che tristezza!
    Ciao!
    Antonella

    RispondiElimina
  3. bellissima poesia e fantastico il dipinto di Van Gogh,buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ciao Gabe, felice che l'insieme ti sia piaciuto.
    Buona giornata anche a te.
    Antonella

    RispondiElimina
  5. Ti auguro di rimetterti al più presto!
    Malesseri del cambio stagione!
    Ho letto una poesia sublime, divina e il quadro di Van Gogh è immacolato!
    Buona giornata carissima Antonella!
    Beatris

    RispondiElimina
  6. Ciao Beatris, i tuoi commenti hanno ripreso ad andare a finire tra le spam...è un mistero.
    Sì, sono mali di stagioni e credimi faccio fatica a sopportarli...il mal di gola mi rende nervosissima.

    Grazie, sono contenta che la poesia ti sia piaciuta, Shelley è un grandissimo poeta e suscita grandi emozioni.
    Buona giornata anche a te, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Il quadro è fantastico, non lo conoscevo!! E bellissima poesia! Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi fa piacere che qui da me ti sia piaciuto. Passerò a ricambiare la tua gradita visita.
      Antonella

      Elimina
  8. Questi versi avvolgono il cuore in un abbraccio senza fine. L'accostamento della poesia al quadro di Van Gogh è semplicemente perfetto!
    Un abbraccio e buona giornata.
    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatrice, grazie, sono contenta che l'accostamento ti piaccia...a volte l'accostamento sbagliato può rovinare la bellezza dei versi o quella del dipinto.
      Ciao, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  9. Tu non sbagli mai accostamenti, hai scelto una poesia intensa che si accosta ad un quadro spettacolare fondendosi in un'armonia perfetta.
    Un abbraccio
    Xav :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Xavier, Shelley mi piace moltissimo e il dipinto...bè parla da solo e mi sembra che armonizzino bene.
      Ciao, un bacione.
      Antonella

      Elimina
  10. Questo quadro è sato dipinto un anno prima di quello che hai postato tempo fa,
    per intenderci il notturno col cipresso.
    La differenza è tanta, là il cielo era luminoso e pieno di volute
    quasi a rappresentare un vento che tormentava il cielo e l'anima
    (come scrisse al fratello Theo era forse a un passo dall'informale che non conosceva ancora nessuno)
    Qui, in questo quadro in cielo è impenetrabile, solo la luce dell'orsa maggiore e di qualche altra stella può attraversarlo arrivando fin dentro l'anima e anche il mare tremolante e denso è pauroso, solcato dai riflessi delle luci a gas. La terra invece è chiara, illuminata forse da una luna che non si vede, l'unica cosa rassicirante su cui potersi sentire sereno e non ossessionato dall'infinità del cielo e del mare.
    Due figure sorprese dall'artista, quasi fosse una foto istantanea, guardano nell'obiettivo della tela stupiti che a quell'ora qualcuno potesse dipingere lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo, come sempre un'analisi del dipinto magistrale, fai venire i brividi.
      Però...questa volta c'è un però...l'opera d'arte è tale , credo, proprio anche perchè riesce a suscitare dentro l'anima di chiunque la osservi delle sensazione...ecco io in questo quadro non sento ansia o qualche cosa di pauroso ma sento un 'atmosfera di serenità...forse perchè sono amante della notte anche nei suoi aspetti più cupi o non so per quale altro motivo ma mi trasmette caslma e sicurezza.
      Grazie dello splendido commento, a presto.
      Anto.

      Elimina
    2. L'artista trasmette quel che può o che vuole,
      noi recepiamo quel che "siamo"
      Su un'opera nessun commemto dettato dai sentimenti
      può essere lo stesso tra persone diverse,
      è perfettamente normale che non abbiamo lo stesso sentire,
      ciao.

      Elimina
  11. Ciao Antonella,
    dopo una giornataccia questo post è stato un bel regalo.
    Uno dei miei dipinti preferiti accompagnato da parole magiche ;)
    grazie!!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, sono contenta di averti regalato un momento in compagnia di qualche cosa che ti piace al termine di una giornata stressante.
      Un bacio.
      Antonella

      Elimina
  12. Grazie, davvero bellissimo.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averlo apprezzato.
      Buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  13. E' strano come il messaggio di un dipinto possa essere recepito in modi diversi. Leggo il commento di Nucci Massimo e sono stupita. Io trovo lo scintillio delle luci nel quadro espressione di gioia e il cielo stellato qualcosa di vivo in comunione con la terra.Le due figure, così piccole, risvegliano in me la sensazione dell'umana piccolezza davanti all'infinito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, anch'io davanti a questo quadro provo le stesse sensazioni che provi tu, infatti l'ho anche accompagnato con le parole di Shelley che sono dolci ma assolutamente dolci e serene. E' davvero strano come un'immagine giunga nell'intimo degli uomini portando messaggi contrapposti.
      Ciao, buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  14. Questo post è una vera magia cara Antonella....

    Un abbraccio!!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, mi fa molto piacere che ti abbia affascinata.
      Buona giornata, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  15. In punta di stella un dipinto luminoso di VITA!
    bellissima è poco, ultrasuperbellissima!!!
    Un abbraccio caro, ciao Anto*

    RispondiElimina
  16. Grazie Luisa, mi fa molto piacere che ti sia piaciuto.
    Un grande abbraccio e buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
  17. Dire che esporre una poesia così soave in uno sfondo di Van Gogh è veramente un arte.
    Brava Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Betty...forse un 'arte non però sono contenta che ti sia piaciuto.
      Ciao, buona serata.
      Antonella

      Elimina
  18. bella poesia e quadro :-)

    Se passi nel blog okanimali c'è un premio che ti aspetta! da me e pelosi con affetto! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fiore,,,grazie, arrivo subito
      Antonella

      Elimina
  19. Cara Giannna..mi fai sognare con questo post! I versi di Shelley.. il dipinto di Van Gogh è gioia per il cuore.....
    Ciao Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, sono contenta di averti fatta sognare e di aver dato gioia al tuo cuore.
      Ciao, buona serata.
      Antonella

      Elimina
  20. Carissima Antonella hai creato un connubio stupendo tra il bellissimo dipinto ed i versi coinvolgenti veramente in post con i "fiocchi".Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cettina, grazie mi piace molto la definizione di "post con i fiocchi". Sono contenta che versi e dipinto vi siano piaciuti e che li abbiate intesi come un insieme.
      Ciao, buona serata.
      Antonella

      Elimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")