sabato 20 aprile 2013

I libri di Sandor Marai / La Sorella







" Fu quello il momento in cui " cominciò ", in cui la mia vita
si separò da tutto quello che precedentemente ne aveva costituito la condizione 
e il senso, in cui qualche cosa in me morì, e io allo stesso tempo rinacqui,
come se fossi morto per la vita e nato per la morte ".

A poche ore dal confine italiano, nel vagone letto di prima classe di un treno
diretto a Firenze, Z. - il grande, celebre pianista atteso in Italia per in concerto -
capisce che nulla sarà mai più come prima: che forse non rivedrà mai più E.,
la donna alla quale è legato da un rapporto ambiguo e morboso, in un triangolo in cui il 
terzo vertice è un marito consapevole e benigno; che forse quella sera suonerà per l'ultima
volta ( e suonerà Chopin, perchè la radio ha appena dato la notizia della caduta di Varsavia );
che tutto, insomma, sarà " diverso ".
Ma diverso come?
Gli ci vorranno mesi per capirlo: quelli che trascorrerà, colpito da un rarissimo virus,
in un ospedale di Firenze, dove verrà condotto subito dopo il concerto.
Di rado un romanzo ha saputo raccontare la malattia con tale precisione, tensione,
crudezza in un'osmosi allucinatoria tra fisico e psichico.
Stremato dalle feroci subdole aggressioni del dolore, o stordito da misericordiose 
iniezioni di morfina, Z. compirà un vero e proprio attraversamento della morte.
A d accompagnarlo " sull'altra sponda " saranno quattro entità femminili 
- "angeliche ruffiane " , presenze vigili e benefiche ma anche inquietanti,
a volte, e sempre sfuggenti -, quattro suore.
E nel momento in cui sembrerà che Z. abbia definitivamente rinunciato a lottare
sarà proprio una di loro a dirgli: " Non voglio che lei muoia ".
Ma quale?
Per quante ipotesi faccia Z. non riuscirà mai a stabilire con assoluta certezza a chi
appartenga la voce che una notte, nel buio della stanza, gli ha chiesto di vivere.
Eppure sarà proprio quella forza " femminile " , quell'energia che agisce mascherata,
a lottare per lui, e a ricondurlo alla vita - anche se con 
tracce indelebili di quello che ha patito.


Un piccolo assaggio:

"La pace che inaspettatamente regnava su quel mondo tetro,
il sapore rinfrescante della neve, i grandi abeti dalle fronde scure che in pochi attimi
avevano indossato il loro candido abito di gala,
la silenziosa maestà delle cime imbiancate, la luce argentina che la luna piena
irradiava su quel paesaggio ancora poco prima vessato dalla pioggia:
tutto questo, dopo gli ultimi eventi, mi appariva come un meraviglioso dono del cielo.
La neve fresca scricchiolava  sotto le suole chiodate dei miei scarponi: nel giro di
poche ore il paesaggio, per grazia dell'incanto celeste, si era trasformato nel palcoscenico
di una fiabesca cerimonia di luce. Dopo cinque giorni di umidità e di nebbia, dopo l'aria
chiusa e soffocante, satura di fumo e di odori di cucina, respiravo a pieni polmoni quel
profumo celestiale, l'aroma nobile del bosco di abeti, delle radure che si liberavano della stretta
soffocante delle nebbie, dell'aria che faceva esultare l'anima e battere il cuore dell'universo alpino.
Il cambiamento era tale che ci si poteva quasi convincere che un mago - e credevo di sapere
chi fosse questo mago -avesse eliminato con un solo gesto di clemenza tutte le miserie materiali e
terrene
La neve era caduta a lungo, uniforme, a fiocchi larghi e spessi e il paesaggio, come un uomo
che gela e trema di freddo, si era rifugiato volentieri sotto quella calda trapunta bianca.
Ero arrivato a una radura e mi fermai, mi appoggiai al mio bastone chiodato,
guardai la valle, dove in alcune case già tremolavano le fioche luci della notte di Natale,
e sentii che stavo vivendo una dei rari attimi della vita nei quali, senza alcun phatos
retorico,senza enfatici sentimentalismi, l'anima umana, benchè assediata dall'angoscia dell'esistenza,
si riempie della meravigliosa consapevolezza della grazia.
La valle, il bosco scuro, la radura candida tutto risplendeva nella luce lunare.
Era la vigilia di Natale, e nel mondo anche quella notte gli uomini continuavano ad uccidersi.
in nessun luogo vi era pace...ma quel paesaggio, quella radura e quei monti
non sapevano nulla della sciagura del genere umano."






24 commenti:

  1. per l'estate mi sa che lo tralascio ....ma lo prenoto per l'inverno prossimo ....sto leggendo la regina ....quello del tuo post passato ed è molto bello......ma per l'estate ho voglia di leggerezza e questo mi sa che deve aspettare ....buon w.e. e grazie con questi consigli per la lettura io alla fine se no vado sempre su quelli che so come scrivono e un pò di scelta non fa mai male ....anzi.....buon w.e. un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Marai , secondo me, è uno scrittore da leggere, un po' per volta parlerò di tutti i suoi libri.
      Io lo considero uno dei grandissimi della letteratura.
      Ciao, un abbraccio e buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  2. Cuore, passioni, emozioni, letture e creatività, accidenti! Qui c'è tutto...meraviglioso! Creare e leggere sono le cose che amo più fare, è una compagnia alla quale non saprei più rinunciare. Baciotti alla tua Cassandra e Platone...dolci dolci...:-) Angy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuta in questo mio spazio. Anch'io dedico gran parte del mio tempo libero alla lettura, poi alla fotografia e infine anch'io realizzo qualche piccola creazione. Mi sa che avremo parecchie cose da condividere.
      A presto.
      Antonella

      Elimina
  3. Sai che non ho mai letto niente di Sandor Marai! Leggendo questo tuo post penso veramente che sia una lettura interessante. La trama di questa storia mi avvince e la tua presentazione è veramente ottima..sei bravissima! Riesci conquistare e coinvolgere il lettore.
    Buona giornata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, a me Marai piace molto, lo considero uno dei grandissimi della letteratura da tenere accanto a Dostoevskij e pochi altri.
      Questo è il romanzo con cui l'ho conosciuto e che me lo ha fatto apprezzare sia per le emozioni che racconta sia per lo stile letterario raro da incontrare. Purtroppo è poco conosciuto, credo che la traduzione delle suo opere in italiano non sia nemmeno terminata. Sicuramente una lettura da non perdere. Ho intenzione di pubblicare dei post su tutti i suoi libri, ti lascio il link di un post in cui ho già parlato di lui.

      http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2013/03/liberazione-sandor-marai.html

      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
    2. Ti ringrazio..mi sono documentata e ho trovato che la biblioteca della mia città è ben fornita di questo autore. Ho già prenotato questo romanzo, e conto di leggerlo appena possibile.
      Ciao, Stefania

      Elimina
    3. Bene, mi farebbe piacere, quando lo avrai letto, sapere cosa ne pensi.
      Buona lettura.
      Antonella

      Elimina
  4. Ciao Antonella,
    mi sembra un ottima storia, che poi nella trama, da quello che ho capito si ha la possibilità di assaporare un momento importante a livello di storia. Da quello che scrivi sembra davvero un racconto eccellente. Dovrò metterlo nella lista dei libri da leggere ;)
    baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Audrey, è un romanzo eccellente scritto da un autore che, secondo me, è tra i migliori del 900.
      In questo romanzo la storia fa solo da sfondo alla vicenda mentre in quello che ho presentato alcune settimane fa la terribile storia dell'occupazione prima tedesca e poi sovietica in Ungheria è messa in primo piano. Non so se avevi letto quel post, ti lascio il link

      http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2013/03/liberazione-sandor-marai.html

      Ciao, un bacione.
      Antonella

      Elimina
  5. Storia interessante, vale la pena approfondire la lettura.
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier, sì, vale la pena approfondire, secondo me Marai è bravissimo, lo considero, come dicevo ad Audrey, uno dei grandissimi del 900.
      Se hai occasione leggi qualche cosa di suo, sono certa che ti piacerà.
      Un bacione e buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  6. Non conosco questo autore, mi hai incuriosita!
    Grazie e un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Melinda, mi fa piacere avertelo fatto conosce per me è un grandissimo scrittore di quelli che non sempre si ha occasione di leggere. Questo è proprio il libro con cui l'ho conosciuto e ti assicuro che per me è stata una grandissima scoperta. Sono certa che se avrai occasione di leggerlo piacerà molto anche a te.
      Ho parlato di lui anche qui.

      http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2013/03/liberazione-sandor-marai.html

      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  7. Ciao Antonella,
    sono Jena Anziana, conosco questo libro e l'ho apprezzato.
    Grazie per i tuoi post che sono interessanti e non banali.
    Un abbraccio dalla savana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jena Anziana, vedo che anche tu apprezzi Marai, a me piace moltissimo sia per la scrittura che per i contenuti dei suoi romanzi, un grande della letteratura.
      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  8. non lo conosco ma sono molto incuriosita, da ciò che ho letto (e vado a vedermi anche il post precedente che credo...dovremmo consigliare a qualcuno)

    un abbraccio affettuoso e grazie per la tua presenza

    Gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gloria, te lo consiglio caldamente, secondo me i suoi libri sono capolavori della letteratura del 900...
      Sì " Liberazione " sarebbe da consigliare a qualcuno che noi conosciamo e che fa certi discorsi...ma non lo capirebbe mai!
      Ciao, un grande abbraccio anche a te...e sappi che per me è un piacere esserci!
      Antonella

      Elimina
  9. Non conoscevo l'autore ,la trama sembra interessante.Grazie della presentazione.a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cettina, è un autore che a me piace molto, se hai occasione ti consiglio di leggerlo.
      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  10. Non conoscevo questo autore.
    Ti auguro un sereno week end.

    RispondiElimina
  11. Ciao Cav, se posso darti un consiglio ti direi di leggere qualche cosa di suo, merita di essere conosciuto.
    Il suo capolavoro assoluto sono "Le braci " ma a mio parere tutta la sua opera riveste grande importanza nella letteratura del 900.
    Ciao, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  12. Molto interessante

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
  13. Grazie Jessica, è sicuramente un autore da leggere.
    A presto, buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")