sabato 2 febbraio 2013

Il delfino adottato dalle balene




Se ne erano accorti già nel 2011 ma oggi la cosa s'è fatta certa.
Al largo delle Azzorre, dove le orche ogni tanto emergono in superficie
come u - boot, un branco di capodogli ha adottato un esemplare di delfino.
I capodogli sono balene molto particolari e soprattutto amanti della riservatezza.
Ma quel delfino, con la spina dorsale malformata che lo fa somigliare ad un essere uscito 
dalla fantasia di Tolkien, è riuscito a penetrare all'interno del branco. Come ci sia riuscito  è un
grande mistero, anche se alcuni studiosi tedeschi credono che abbia sfruttato le 
onde di superficie con cui si trastullano i piccoli dei capodogli.






Gli adulti sono bestie solitarie, come elefanti bianchi.
Un semplice sospetto di una minaccia all'orizzonte, come un onda appena increspata,
li mette in allerta. Ne sanno qualcosa le orche che di fronte a un capodoglio infuriato 
ci pensano su prima di sferrare un attacco..
Per gli studiosi un'ipotesi può essere stata o la velocità " inferiore " del delfino disabile:
i suoi consimili lo hanno abbandonato perchè non riusciva a veleggiare alla stessa 
andatura saettante. Oppure la spiegazione va ricercata nel fatto che i capodogli
lasciano sempre un adulto a fare da chaperon ai piccoli quando sono
 impegnati in " crociera "






Il piccolo delfino dotato di quella coda disarmante, quasi bifida,
incapace di fendere l'acqua con la potenza che soltanto i suoi consimili in salute possiedono,
deve essere stato visto come un ideale baby - sitter, capace di mantenere una velocità
ad uso specifico dei piccoli spermaceti.
Anni fa era stato pubblicato un libro dal titolo che toccava l'anima,
Anche gli elefanti piangono ,
che oggi si riuscirebbe a declinare anche per le più grandi creature marine ancora in vita.






E' alla loro capacità di piangere e di commuoversi, di provare compassione
che si devono certe alleanze in natura?
Questa, nonostante i sentimenti, è stata definita dagli studiosi un'alleanza
" rara " anche in natura.
Potrebbe derivare dal carattere socievole dei delfini.
Il piccolo delfino " disabile " sarebbe stato autorizzato così a cavalcare le onde
create dai capodogli, che in navigazione sembrano cacciatorpediniere fatte 
di carne  e muscoli imponenti.







Sicuramente non è stato considerato minaccioso perchè sarebbe stato schiacciato a colpi di coda
oppure preso letteralmente a testate con la furia di un ariete forte di centinaia di tonnellate.
La domanda da un milione di dollari sulla quale uscirà un articolo su
Acquatic Mammals , è: perchè l'hanno accettato?
Le ipotesi si sprecano.






Secondo Alexander  Wilson , un ricercatore tedesco dell'Università di Leibnitz,
è escluso che il delfino si sia accompagnato ai capodogli per sfuggire ai predatori.
Lo studioso sostiene che nelle acque azzurro tenebra  delle Azzorre
non ci siano poi tante minacce.






Se fosse vera questa tesi, il mistero sui sentimenti degli animali  si infittirebbe
ancora di più.
Significherebbe infatti che l'istinto di conservazione viene superato
dalla commozione.
E mi piace pensare che sia così!




( fotografie dal web )






42 commenti:

  1. Gli animali hanno un cuore grande, buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte

    1. E' vero, nessuno sa amare come loro. Buon fine settimana anche a te.
      Antonella

      Elimina
  2. ciao
    buon fine settimana.
    Grandi gli amici animali, loro sono fortissimi, hanno un cuore grande e quello che fanno lo fanno per amore.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao, è verissimo fanno qualsiesi cosa senza aspettarsi niente in cambio, davvero un cuore grande.
      Buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  3. Antonella, ma questo post è semplicemente meraviglioso, anch'io voglio pensare che sia cosi, che i sentimenti siano andati oltre l'istinto di sopravvivenza. Questo vorrebbe dire, ancora una volata, che gli animali sono più umani degli uomini.
    Bellissime anche le immagini, soprattutto l'ultima ;)
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Audrey, io sono sicura, ormai, che gli animali sono più umani degli uomini. Questa storia la trovo piena d'amore e di altruismo.
      Ciao, un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  4. Commovente storia a riprova che tra gli animali esiste solidarietà! Buona domenica Antonella!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Renata, anche a me piace pensare che si tratti di un grande esempio di solidarietà.
      Buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  5. Il meraviglioso mondo degli animali del mare è segreto ai nostri occhi!!!
    Bellissimo post!
    Buona domenica carissima Antonella!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Beatris, e nel segreto succedono delle cose meravigliose come questa dolcissima storia.
      Ciao, un affettuoso abbraccio e buona domenica.
      Antonella

      Elimina
  6. E' una bella storia d'amore, un'altra prova che gli animali ragionano col cuore e le persone... beh lasciamo perdere...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Melinda, è vero, anche se fosse solo istinto è un istinto dettato dall'amore...tra gli uomini...meglio non pensare all'egoismo all'indifferenza, e alla cattiveria di cui siamo capaci.

      Se passi domani faccio il post di ringraziamento per il premio, scusa il ritardo ma non sono riuscita a farlo prima.

      Ciao, un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  7. Lo diciamo sempre noi che gli animali hanno una marcia in più :-)
    Grazie per il post, è bellissimo,
    un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Grazie a voi, sono contenta che vi sia piaciuto, effettivamente è una storia bella ed è anche un gran de esempio.
      E' vero, gli animali hanno una marcia in più.
      Un abbraccio zamposo anche a voi e buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  8. Ciao Antonella la penso come te, noi umani abbiamo
    ancora tanto da imparare dagli animali
    ciao buona domenica

    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Vedo che siamo tutti d'accordo, ci crediamo all'apice della piramide e invece abbiamo tanto da imparare da chi consideriamo tanto più in basso di noi.
      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  9. è che gli animali non pensano al loro tornaconto....vedono un animale, anche diverso da loro, in difficoltà e non ci pensano due volte ad aiutarlo!!!! Bello!!! Mi piace molto questo post!!! Un abbraccio Anto!, buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Valentina, che bello...ogni tanto ti fai viva!
      E' vero gli animali non ci pensano due volte ad aiutare anche chi è diverso da loro, siamo noi che dovremmo impararlo.
      Sono contenta che questo post ti sia piaciuto.
      Un abbraccio forte anche a te e serena domenica.
      Antonella

      Elimina
  10. Ma che belle ed emozionanti queste storie, gli animali continuano a darci esempi di amore e solidarietà... ma quando prenderemo esempio da loro??
    Ti abbraccio Antonella, augurandoti un meraviglioso fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Betty, quanto insegnamento ci arriva dal mondo degli animali! Noi ci crediamo superiori e invece avremmo tanto da imparare da loro...hanno un cuore grande.
      Ciao, un abbraccio e buona domenica.
      Antonella

      Elimina
  11. Ho letto anch'io di questa storia...d'altra parte non è raro che gli animali adottino un piccolo di specie diversa: hanno sempre da insegnarci qualcosa!
    Un saluto affettuoso, Antonella! (♥‿♥)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Sì se ne sentono di queste storie e hanno sempre la capacità di commuoverci. Dovremmo prendere esempio da loro e dalla loro grande solidarietà nei confronti di chi è più debole.
      Ciao Lella, buona domenica.
      Antonella

      Elimina
  12. Questa storia ci insegna che le differenze non sono un sintomo di divisione e allontanamento come crediamo noi esseri umani, quando altri sentimenti prevalgono e noi permettiamo loro di esprimersi tutto può essere superato e può portare a momenti di grande solidarietà come in questa bellissima vicenda marina... :)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao, come stai, quanto tempo che non ci incontriamo!

      Hai ragione le diversità non devono e non possono essere causa di divisione, gli esseri viventi sono belli proprio perchè tutti diverse ed è inconcepibile che questo gli animali lo sappiano e l'uomo viva ancora con tanti pregiudizi.

      Sono felice che sei passata, buona domenica.
      Antonella

      Elimina
  13. E' vero: gli animali sono migliori di noi e dovremmo imparare da loro. Ma l'uomo, in generale, è sempre stato un gran testone e credo che non imparerà mai. E' troppo egoista per capire!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Condivido la tua opinione che l'uomo è un gran testone e non capirà mai e hai centrato il motivo: l'egoismo!
      Ciao, buona serata e buona domenica .
      Antonella

      Elimina
  14. Secondo me fra tutte le ipotesi vince una sola: l'amore.
    Questo post mi ha commossa fino alle lacrime, grazie davvero.
    Ti ringrazio anche per l'interesse verso Elly, purtroppo ha ancora la febbre alta, lunedì la porto dal medico.
    Un abbraccio e buon weekend
    Matilda

    RispondiElimina
  15. Mi spiace che la febbre non scenda,hai ragione è meglio andare dal medico.
    Anche a me piace pensare che l'unica spiegazione sia l'amore, e non può che essere così.
    Ciao, un abbraccio e buon fine settimana anche a voi.
    Antonella

    RispondiElimina
  16. babayaga-60@libero.it2 febbraio 2013 22:31

    Straordinaria storia d'amore che noi, poveri umani,abbiamo dimenticato.

    RispondiElimina
  17. Ciao, vedo che ti ho contagiata.
    Sì una gran bella storia , noi umani abbiamo solo da imparare!
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  18. un grande esempio di solidarietà verso un essere diverso e sfortunato,buona domenica e un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabe, io l'ho trovata una storia d'amore e solidarietà grandissima, che ci fa toccare con mano quanto, spesso gli animali sono più sensibile degli uomini.
      Ciao, un sorriso e una buona domenica anche a te.
      Antonella

      Elimina
  19. E' incredibile quanto queste storie ci lascino sbalorditi. Non sarà che al di là di tutto sanno usare l'istinto come fosse coscienza?
    Ciao Antonella, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Carla, ogni tanto arrivi e mi rischiari la giornata!
      Non so, secondo me non è che usano l'istinto come fosse coscienze, secondo me è proprio coscienza, è anima, io ho sempre pensato che anche gli animali abbiano un'anima esattamente come noi. ( ho usato termini che non sono i tuoi ma penso tu abbia capito cosa intendo )
      Ciao Carla, un bacione e buon proseguimento per il vostro importante lavoro.
      Antonella

      Elimina
  20. Cara Antonella,
    è una storia bellissima, non la conoscevo.
    Grazie per il tuo commento al giveaway, ho modificato le regole e sei tra i partecipanti, ci tengo molto :-)
    Un abbraccione!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao, ma grazie! Mi dispiace che tu abbia modificato le regole per me...però ne sono anche felice. Allora partecipo anch'io? Vengo subito a fare tutto quello che è necessario.
      Sono contenta che hai avuto modo di conoscere questa bellissima storia.
      Ciao, buona domenica .
      Antonella

      Elimina
    2. Certo Antonella, ci sei anche tu! Meglio l'amicizia, le regole si possono cambiare :-)
      A presto!!!!

      Elimina
  21. che bella storia!!!!! mi piacciono molto i delfini

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Anch'io la trovo una storia bellissima...dovremmo cercare di assomigliare almeno un po' a loro!.Ciao, buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  22. Verissimo, hanno i sentimenti che abbiamo noi
    anzi, siamo noi che non abbiamo più tutti i sentimenti che hanno loro.
    Se vogliamo confrontarci possiamo dire che i loro sentimenti sono puri,
    capiscono subito chi è loro amico e chi no e all'amico si danno completamente.
    I sentimenti dell'uomo sono mediati dall'intelligenza
    che fa entrare in gioco le variabili
    (come ad esempio l'opportunità di una amicizia
    o il risentimento verso la famiglia del candidato amico... ecc.)

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Hai ragione oggi nei rapporti degli uomini entrano troppe variabili, l'interesse personale e l'opportunismo in primis.
      Gli animali si danno e danno senza chiedere niente in cambio, in modo totalmente disinteressato. E questo, parlando di sentimenti, è la perfezione!
      Ciao, Massimo, grazie dei tuoi passaggi e buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  23. Che bella questa storia!! :)) un po' mi disp che gli altri delfini lo hanno abbandonato... ma meno male che poi ha trovato un'altra famiglia! :) Ora i capodogli mi sono molto simpatici! :))

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")