mercoledì 5 settembre 2012

Gesualdo da Venosa, il musicista assassino precursore dei tempi




Nel 1962 Igor Stravinskij ripropose a Londra un balletto ideato ideato due anni prima per il New York City Ballet, dove aveva arrangiato un madrigale di fine '500 dal titolo " Beltà che poi t'assenti ". Autore di questa composizione era stato il musicista italiano Carlo Gesualdo, principe di Venosa, eccelso nella musica polifonica, impareggiabile in quella sacra e ritenuto il più famoso madrigalista del suo tempo.




Dimenticato per oltre tre secoli, Stravinskij ebbe occasione di visionare le opere composte da Carlo Gesualdo durante un suo viaggio in Italia a metà del 1900.
Il balletto allestito nella capitale britannica riscosse molto successo e alcuni compositori contemporanei si avvicinarono all'autore antico, sconosciuto eppure così straordinariamente attuale.







Nacquero così " Carlo " del russo Alfred Schnittke, " Tenebre " del tedesco Franz Kummel, "Super Gesuald"  dell'inglese  Peter Maxwell Davies, " Gesualdo "  dei francesi Marc-Andrè Dalbavie e Richard Millet, mentre l'ungherese Peter Eotvos girò l'Europa dando pubblica lettura di alcuni madrigali dell'artista italiano.






Quando nel 1594 Gesualdo sposò a Ferrara in seconde nozze la duchessa Eleonora d'Este, cugina del duca Alfonso II, gli onori di casa furono portati dal conte Alfonso Saltarelli, diplomatico tagliente e beffardo, che così descrisse il principe di Venosa: " Poco imponente, pieno di affettazione di gusto spagnolesco, sempre accigliato, di irrefrenabile loquacità e , soprattutto, meridionalmente indolente ".




Eleonora d'Este




Ma i compositori del xx secolo raccontarono di Gesualdo a loro modo, soggiogati tutti dalla terribile vicenda legata al primo matrimonio del principe di Venosa, quello cioè con la cugina Maria d'Avalos




Maria d'Avalos



innamoratasi perdutamente in seguito del duca d'Andria  e conte di Ruvo Fabrizio Carafa 



Fabrizio Carafa



e per questo, inevitabilmente destinata a morire di morte violenta per mano dello stesso principe, che, infatti, il 16 ottobre 1590  uccise entrambi dopo aver fatto credere loro che si sarebbe assentato qualche giorno.






Il da Venosa, perdonato dei suoi delitti dalle autorità " per giusta causa ", visse nel terrore di essere a sua volta ucciso dalle famiglie d'Avalos e/o Carafa, ma questo non  gli impedì , protetto nel suo castello avellinese di Gesualdo divenuto nel frattempo un'autentica fortezza inespugnabile, di essere un musicista assai raffinato, innovatore e straordinario precursore della musica moderna.






Morì  a 47 anni, l'8 settembre 1613, sembra di morte naturale anche se non mancarono illazioni mai provate di un avvelenamento.





( Sergio De Benedetti, Libero del26/07/2012
foto dal web)

19 commenti:

  1. Lo dico sempre che sei una fonte interminabile di informazioni...grazie!!!! Sai che non sapevo almeno il 90% di ció che hai scritto. Vedi adoro il tuo blog per questo,perché arrivo ed imparo qualcosa che non sapevo,lo trovo fantastico. Bel post.Un mega abbraccio e buona giornata:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geazieee, sei sempre super gentile! Comunque anch'io , che ho frequentato Venosa per anni e ho anche i parenti lì, ho conosciuto questa storia pochissimo tempo fa. Tra l'altro Venosa è una delle piccole città italiane forse poco conosciute e secondo me bellissima.
      Un mega abbraccio anche a te,
      Antonella

      Elimina
    2. bè,sono gentile perchè ti meriti i complimenti ;)
      non ho mai visto Venosa,ma sò dov'è ovviamente, mi hai incuriosita sai :D
      Buona serata e un mega abbraccio

      Elimina
  2. Antonella cara, oggi mi hai proprio fatto venire i brividi!Storia a tinte forti, mista alla suprema bellezza dell'arte musicale!Un post emozionante ed istruttivo insieme.
    Desideero inoltre dirti che, leggendo e soprattutto guardando , il tuo post sui 4 elementi, ho deciso anch'io di partecipare a quella interessante iniziativa
    ( anch'io metterò un bel fuoco, per scaldare la mia pagina!).
    Ti ringrazio, Antonella, e ti saluto con affetto:-)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, sono contenta che hai partecipato anche tu all'iniziativa di "Viaggi e baci", vedrai tutti i mesi c'è qualche cosa di nuovo e piacevole! Appena fai il post verrò a vederlo.
      Bella storia a tinte forti eh! Anche questa, come "Le storie del castello di Trezza " tende proprio al gotico.
      Ciao, anche da parte mia un saluto affettuoso.
      Antonella

      Elimina
  3. Intrigante, e culturale direi...sempre molto stuzzicanti i tuoi post. Vita lunga e prospera cara Anto.

    P.S.: ma su gmail ci sei?

    RispondiElimina
  4. Ciao, anch'io trovo questa storia molto intrigante e ho pensato potesse interessare anche i miei lettori.
    Adesso scusami ma su queste cose sono profondamente ignorante: cos'è gmail?
    So veramente pochissimo su questo argomento, mi sembra già una mega conquista essere riuscita a farmi questo piccolo blog e bene o male riuscire a gestirlo. Ma dovrei esserci?
    Scusa ancora l'ignoranza. Felice serata.
    Antonella.

    RispondiElimina
  5. Genio e ferocia in questo compositore di cui ci parli. Un post splendido.

    RispondiElimina
  6. Ciao Ambra, che storia vero? Un grandissimo genio e una altrettanto grande crudeltà. Grazie del tuo passaggio e del tuo commento.
    Buona serata,Antonella

    RispondiElimina
  7. Grazie! Buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
  8. Gmail e il provider di posta che ci consente di avere a disposizione oltre al blog anche una chat dove ci si può sentire e vedere anche in più persone contemporaneamente.
    Vita lunga e prospera cara Anto.
    Per qualunque altra info scrivimi al mio indirizzo: legolas.helda@gmail.com

    RispondiElimina
  9. Grazie, ho capito! (finalmente!) Sei stato gentilissimo.
    Buona giornata, a presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  10. mi ricorda tanto la vicenda della baronessa di Cariddi... ricordi il telefilm?!!

    RispondiElimina
  11. Si, hai ragione. Scusami, non sono mai passata da te, ma in settimana ricambio le tue graditissime visite. A presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  12. Sei peggio di me come cacciatrice di curiosità! Questo musicista non l'avevo proprio mai sentito nominare...
    Bacione, tuo
    Cosimo

    RispondiElimina
  13. Ciao, a me piacciono tanto queste curiosità che ho chiamato "piccole storie nella storia". sono avvenimenti che rispetto alla grande storia sono rimati in secondo o terzo piano e mi incuriosiscono e mi appassionano.
    Ciao, un bacione a te.
    Antonella

    RispondiElimina
  14. complimenti per questa tua significativa rievocazione della figura del Principe Gesualdo.
    FONDAZIONE CARLO GESUALDO

    RispondiElimina
  15. Grazie infinite per l'attenzione data al mio piccolo blog. Esiste un sito o un blog dell'Associazione?
    Antonella

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")