sabato 11 maggio 2013

Oggi abbaiamo noi...giornata nazionale del cane



Ciao...anzi bau,
oggi è la giornata nazionale del cane e quindi oggi siamo noi, 
Cassandra e Platone,
gli autori del blog.
Se vi fa piacere vi raccontiamo la nostra storia...
sì, vero, che vi fa piacere?
Noi adesso viviamo qui in questa grande e bella casa ai margini del bosco, 
abbiamo un piccolo giardino, una terrazza, tanti balconi,
una " cameretta " per dormire che noi chiamiamo " attico "
ma soprattutto abbiamo due umani che ci vogliono tanto bene e 
che non ci farebbero mai del male come invece è successo prima di incontrarli.






Noi due ci siamo conosciuti in canile, eravamo ancora tanto piccoli
e siamo diventati subito grandi amici.
Io, Platone, ero solo un cucciolo ma ero già stato picchiato tanto
al punto che ancora adesso se non li conosco bene diffido degli umani.
Ero arrivato al canile insieme alla mia sorellina che è stata adottata subito, io invece
sono rimasto chiuso lì per nove mesi.
Ero in una grande gabbia con dentro tante cucce e altri cani
ma io ho legato subito con B 16 che poi è diventata Cassandra.






Io, Cassandra, sono  arrivata al canile che ero una cucciola
e non avevo mai conosciuto l'uomo che però devo dire mi è sembrato 
un essere strano; per ben due volte sono venuti degli umani,
mi hanno presa, mi hanno portata nella loro casa....
io non mi sono comportata tanto bene ma solo perchè ero spaventata
ma loro non l'hanno capito e per ben due volte mi hanno riportata al canile.






Siamo diventati amici noi due e stavamo sempre insieme
stretti uno all'altro.
Ogni tanto veniva qualche umano, prendeva uno dei nostri amici
e noi non lo vedevamo più...
poi un sabato mattina è suonato il campanello del canile,
io, Platone, l'ho vista subito, era lei, era quella che aspettavo,
l'avevo scelta...
mi avrebbe sicuramente portato via con lei.
Lei invece si è diretta verso la gabbia di una volpina nera 
arrivata qualche giorno prima, le ho viste che si annusavano
un po' per conoscersi. Poi lei ha fatto un giro nel canile e quando è
arrivata davanti a me si è fermata, ci siamo guardati e io...
sì, sì era proprio lei che aspettavo
ci siamo innamorati subito, non come vi innamorate voi umani,
ma come solo un cane sa amare.






Ho visto che guardava Mork, che adesso si chiama Platone,
e ho capito che l'avrebbe portato via,
lei parlava con la veterinaria del canile e intanto i volontari
mettevano il collare e il guinzaglio a lui.
Con lei c'era anche un umano maschio, mi sentivo il cuore che
saltava via, loro parlavano e io mi stringevo sempre più a Platone,
alla fine hanno cercato di portarlo fuori dalla gabbia,
allora è successa una cosa bellissima:
lui ha piantato le unghiette per terra e non ha voluto uscire
e io ho cominciato a stringermi a lui 
ululavo e guaivo...
allora gli umani si sono guardati e hanno detto:
" Va bene, prendiamo anche lei. "
Ho sentito la veterinaria che diceva che io ero una cagnetta difficile
- figuriamoci, difficile io, è chiaro sono una principessa,
ho le mie necessità -
che ci pensassero bene perchè non potevo più sopportare
il trauma di essere restituita al canile come era già successo due volte.
Hanno parlato, parlato
e alla fine siamo andati via con loro tutti e due.







Adesso viviamo con loro da tanto tempo,
non siamo più cuccioli, siamo due giovani cani in perfetta forma,
e condividiamo con loro tutte le cose della vita,
andiamo con loro al lavoro, a fare la spesa, in vacanza
- ci piace tanto andare in vacanza, ci divertiamo da morire e loro
si dedicano esclusivamente a noi -
andiamo a casa di amici e anche al ristorante.







Siamo cresciuti e io, Platone,
sono diventato un cagnetto molto riflessivo, così dice la mia umana,
dolcissimo, affettuoso, un po' frugale e tanto ubbidiente...
loro dicono " ubbidiente come un soldatino ".
Per ubbidire una volta sono finito sotto una macchina,
i miei umani erano disperati ma io dopo un po' sono tornato 
come nuovo.
Io mi diverto tanto con loro soprattutto quando andiamo in montagna
e posso correre felice e libero,
però non mi allontano mai.
Ogni tanto il mio sguardo diventa triste, mi ricordo
di quando sono stato picchiato tanto e trattato tanto male, 
è per questo che se sento rumori forti o se qualcuno alza la voce mi spavento...
anche se so che fino a quando sarò con loro non mi potrà
succedere niente di brutto.






Siamo cresciuti ed io, Cassandra, un po' per volta ho imparato
a vivere con gli umani, prima volevo essere io 
il capo branco, cercavo di mordere e di comandare
poi un po' per volta, con tante coccole , ho capito...
Ne ho combinate e ne combino di tutti i colori perchè sono 
uno spirito libero e sono sicura di essere io la padrona del mondo.
Loro, i miei umani, dicono che ho il brutto vizio di scappare
infatti anche quando andiamo in montagna( quel cane, Platone, vuole andare
in montagna, se fosse per me si andrebbe sempre per negozi!)
mi devono tenere al guinzaglio perchè se no io
prendo e vado...ma non è colpa mia, io sono un cane da caccia, sono uno spinone,
e seguo tutte le tracce che sento.
All'inizio ero selvatica ma poi sono diventata tanto dolce,
sono innamorata del mio umano, alla sera mi siedo in giardino con lui
 e ci fumiamo in pace un sigaro,
ci vogliamo molto bene, anzi ho sentito l'amica Gloria che diceva:
" Secondo me Cassandra è convinta di essere lei 
la moglie di Renato "
Perchè, non è così?
Sono vanitosa, mi piace andare al salone di bellezza canino
e uscirne tosata, pettinata e profumata
- adesso ho in programma, ma i miei umani non lo sanno ancora,
di farmi la ricostruzione delle unghie e di farmele decorare con il gel -
mi piace specchiarmi nelle vetrine e girare nelle città piene di negozi.
So di essere una principessa e come tale vengo trattata.






E adesso facciamo i cagnetti seri.
Speriamo tanto che tutti i cani che vivono in canile trovino una famiglia che li ami,
anzi, se pensate di prendere un cane non compratelo
ma andate nei canili vicini alla vostra città,
là c'è già lui, il vostro cane, che vi sta aspettando,
vi aspetta per amarvi senza condizioni e 
per rendervi felici






Tanti auguri a tutti i cani di tutti i canili del mondo,
a Gabriel il cane di Gloria, a Kim , di Fiore di collina,
ad HayLyn, di RobyRobby,
a Terry, di Katerine.
Ai cani di Xavier e a quelli di Melinda
e a tutti i cani della blogsfera.
Cassandra e Platone




41 commenti:

  1. Che bella storia, cari cagnolini.

    Voi siete stati fortunati...perciò auguro a tutti gli altri cani la vostra stessa sorte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna, sì, loro sono stati dei cani fortunati ma anche noi siamo stati fortunati a trovare degli amici come loro.
      E' quello che auguriamo a tutti i cani abbandonati, una nuova vita con dei nuovi umani che li amano.
      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  2. Ciao Antonella,
    ma che bello questo post, come sai lo aspettavo da tanto ;)
    Che dolci!!!! Mi spiace per il loro passato, certi umani andrebbero trattati allo stesso modo.Voi, invece, siete degli eroi, bravissimi!!!!!
    Adoro Cassandra e Platone perchè sembrano degli umani, solo un più pelosi ;)
    Un grosso abbraccio a tutti e tanti auguri a loro ma anche a tutti i cagnolini dei canili e dei nostri amici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, sono contenta che ti sia piaciuto e ti abbia fatta sorridere.
      Credimi, non siamo noi gli eroi ma loro che nonostante le sofferenza che hanno patito a causa dell'uomo sono sempre disposti a dare amore incondizionato.
      Ciao un grande abbraccio e una zampatina.
      Antonella, Cassandra e Platone

      Elimina
  3. ciao
    bellissimo questo post.
    Cassandra e Platone auguri auguri.
    Grazie per gli auguri ad Hay Lin.
    Bau Bau
    Non sapevo di questa festa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie, sono contenta che il post ti sia piaciuto.
      Un bau e una zampatina affettuosa.
      Antonella, Cassandre e Platone

      Elimina
  4. è una storia fantastica ....e l'hai descritta stupendamente .....puoi proporla a betty per il suo sito ...io sicuramente appena rientra mio figlio da scuola gliela faccio leggere ......noi non abbiamo animali ...almeno dove abituiamo ...ma mio marito in campagna ha un cane e gatto .....ma questo anche per scelta .....perchè penso che non sia proprio un gioco .....ho resistito tanto alle richieste del mio figlio più piccolo quando era lui un bambino ...perchè ho sempre cercato lui di spiegare che non era un gioco un'animale ma che ha bisogno di cure tutti i giorni .....che ci vuole impegno e tanto amore come se fosse lui stesso un'altro bimbo ......

    bella storia antonella .....e dovrebbero propagandarla di più questa festa ....magari proponendo alle famiglie qualche gita nei vari canili o gattili ....

    buon w.e. a te e un bau ai tuoi dolci amici inseparabili......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara, leggo solo ora questo tuo commento, si vede che stamattina stavamo scrivendo contemporaneamente...
      Si, mi piacerebbe proporla sul mio sito, ai bambini che mi seguono piacerà di sicuro. quindi se a te Antonella farà piacere... lo farò con gioia.
      Bacioni a voi carissime

      Elimina
    2. Ciao Barbara, mi fa piacere che ti sia piaciuto questo post e soprattutto mi commuove l'idea che lo farai leggere a tuo figlio. Pensa che all'ultimo non sapevo se pubblicarlo o no, avevo paura che potesse sembrare un po' sciocco, ma vedo che lo spirito del post è stato capito da tutti.
      Per quanto riguarda Betty, vedo che lei ti ha già risposto e io non posso che essere d'accordo con voi, proponetelo pure dove volete, a me e ai miei "ragazzi " fa molto piacere.
      Un abbraccio e buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
  5. Cara Antonella, mi sono commossa a leggere la storia di questi stupendi amici pelosetti... hai saputo raccontare la loro storia in un modo fantastico e soprattutto con il grande amore che vi unisce... sono fortunati ad avervi come "genitori" e voi siete fortunati ad avere loro...
    Sai, non sapevo di questa giornata, e tuttavia avevo preparato un post sui cani proprio per oggi, ma poi ho dovuto sostituirlo con quello della mamma, lo posterò lunedì.
    Un abbraccio immenso dolce amica a te e ai tuoi simpaticissimi pelosetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Betty, è vero , la fortuna è reciproca perchè per noi è stata una vera fortuna incontrare due cagnetti come loro. Quando sono arrivati io ero preda di quella depressione di cui ti ho parlato e sono sicurissima che sono stati loro a curarmi.
      Leggi il commento che ho lasciato a Barbara relativamente alla pubblicazione del post sul tuo sito.
      Ciao, un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
    2. Sicuramente... loro sono stati la terapia giusta per te Antonella...
      Ti ringrazio per il tuo consenso alla pubblicazione, quando avverrà, ti avviserò sicuramente, un bacione cara

      Elimina
  6. È una storia commovente,siete stati cosi bravi....avete tutto il mio affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, è una storia comune a tanti cani che vengono maltrattati e abbandonati e poi trovano una famiglia dove vivono felici. Purtroppo per molto altri la storia non è a lieto fine.
      Tanti auguri per la giornata del cane anche a Raja.
      Antonella

      Elimina
  7. Ciao Antonella,
    sei riuscita a farmi piangere come vedi e ti ringrazio perchè piangere per una storia a lieto fine capita di rado.
    Anche i cani che abbiamo adottato in famiglia sono tutti provenienti da un passato non bello e ogni tanto nei loro occhi vedo un velo di tristezza che però passa subito con tanto amore.
    Da un bacio a Platone e Cassandr da parte mia e di Xavier perchè se lo meritano.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatrice, sono felice che ti sia piaciuto, con un post di questo genere era facile scivolare nel ridicolo.
      E' vero gli occhi di questi cani ogni tanto si velano di tristezza e l'unico antidoto è dargli sempre tanto , tanto amore.
      Un abbraccio Antonella

      Una zampatina affettuosa e festosa da parte nostra anche a Xavier e a tutti i vostri amici pelosi.
      Cassandra e Platone

      Elimina
  8. Che tenerezza, e che bel pensiero regalarci la storia dei tuoi bellissimi cani! Sei riuscita a commuovermi davvero.
    Cassandra e Platone (nomi imponenti..) meritano il mio grosso abbraccio.
    Buona giornata a te e a loto.
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, sì, nomi importanti per due dolcissimi cagnetti.
      Ti ringrazio di avere apprezzato questa piccola storia di quotidianità e d'amore.
      Un grande abbraccio anche a te.
      Antonella, Cassandra e Platone

      Elimina
  9. Meraviglioso racconto!
    Sono due bellissimi cani che hanno avuto la grandiosa fortuna di incontrare due splendide persone!
    Un abbraccio forte e buona domenica da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatris, credimi la fortuna è stata nostra, loro sono due compagni preziosi e speciali con i quali condividiamo la nostra vita.
      Un grande abbraccio anche a te, buon fine settimana.
      Antonella e i "ragazzi"

      Elimina
  10. Hello to every body, it's my first go to see of this webpage; this blog contains awesome and actually fine information in support of readers.

    Feel free to surf to my page :: Golf Gloves

    RispondiElimina
  11. Una storia bellissima che mi ha fatto venire le lacrime agli occhi. Fare del bene, agli umani come agli animali, non può portare che altro bene. Una carezza a Cassandra e Platone e un grande abbraccio a voi, che avete saputo donare loro così tanta felicità.
    Grazie per aver fatto gli auguri anche al mio vivacissimo Terry!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sai che io sono una grande estimatrice del tuo vivacissimo Terry, come potevo non fargli gli auguri?
      E' vero noi abbiamo cambiato la vita di questi due cani ma anche loro hanno cambiato la nostra e ci stanno dando moltissimo.
      Vorrei che tutti potessero rendersi conto di quanto amore può dare un cane.
      Cassandra e Platone gradiscono molto la tua carezza e ricambiano con una zampatina...
      Ciao, buon fine settimana.
      Antonella

      Elimina
    2. Oh santo cielo, ho commentato con il nome di un blog di prova che avevo costruito per i miei alunni! Meno male che mi hai riconosciuta!
      Sono sicura che i vostri cani ricambino tutto l'amore che date loro. Loro riconoscono chi li ama e non li tradiscono!
      Grazie per la zampatina e buona domenica!

      Elimina
    3. Ciao, tranquilla, ho capito che eri tu e aprendo il blog mi sono resa conto che era qualche cosa inerente la scuola e quindi ho compreso la svista.
      Il commento è comunque arrivato a destinazione!
      Buona domenica anche a voi.
      Antonella

      Elimina
  12. Gabriel ringrazia Platone e Cassandra scodinzolando! Bauuuuuuuuu!!!!!!! La nostra Giornata. Che bello festeggiati anche noi.......lo meritiamo. La mia umana Gloria domani mi porta al mare. Dovevate vederla: Leggevamo il post di Platone e Cassandra e ...ha pianto. Io, che sono discreto, ho fatto finta di niente ma l'ho vista.

    Un abbraccio grande a Platone, Cassandra ed ai loro umani e a tutti coloro che hanno il piacere di condividere la loro esistenza con queste splendide e generose creature.

    Gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriel, auguri per la tua festa...e che bello, che fortuna, domani vai al mare!
      Sei proprio un cagnetto discreto ad allontanarti quando la tua umana si commuove.
      Una zampata affettuosa.
      Cassandra e Platone

      Ciao Gloria, ti auguro una bella giornata per domani, buon divertimento.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  13. Bellissimo racconto ,solo chi ama gli animali ti può capire.Io in questo momento possiedo due cani non di pura razza ,una gatta e due gattini ,mentre un altro mi sarà donato a breve.in casa siamo in 5 e tutti quanti amiamo i nostri animali che consideriamo parte della famiglia ,infatti ci dividiamo la loro cura quando andiamo in ferie. Se ti dico che parlo con loro e che mi capiscono in tutto ti sembra verosimile? Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo mi sembra verosimile, cara Cettina, ma mi sembra una cosa naturale, anch'io parlo continuamente con loro e a volte, con mio marito, facciamo anche le vocine con le loro risposte...
      Io credo che condividere la propria vita con uno o più animale sia splendido e ci arricchisca tanto.
      Una coccola affettuosa a tutti i tuoi amici pelosi e un abbraccio a te.
      Antonella

      Elimina
  14. ma come....io non lo sapevo che era la festa naz.le del cane :-( potrà mai perdonarmi Kim???? la storia dei tuoi pelosi è stupenda! Io aspettavo la loro storia per il blog okanimali....magari un poco riassunta ...potresti farmela avere?? :-)bau bau da Kim ai tuoi due e a tutti i loro amici bau

    RispondiElimina
  15. Ciao fiore, Kim ti perdonerà certamente, anch'io sai l'ho scoperto per caso ...non so nemmeno più cosa stavo cercando e mi è capitata sotto gli occhi la locandina della giornata del cane...e naturalmente ho colto l'occasione per scrivere questo posto.
    Avevo già pensato che se eri d'accordo ne avrei fatto una versione più breve per il tuo blog, allora, la preparo e te la mando con due fotografie.
    Una grande coccola a Kim anche da parte dei " ragazzi " e buona serata a te.
    Antonella, Cassandra e Platone

    RispondiElimina
  16. ciao bellissimo post :) sono stati proprio fortunati!! Con mio marito lo diciamo sempre anche al nostro,lui non lo abbiamo preso in canile ma sono sempre in dubio su che fine avrebbe fatto se no lo avessimo preso noi...faceva parte di una cucciolata di 8 piccoli,misti tra pastore tedesco e lupo cecoslovacco,la madre non gli nutriva più e non se ne occupava. Avevano solo 3 settimane ma quando abbiamo capito com'era la situazione e come i proprietari se ne occupavano,abbiamo preferito prenderlo subito. Lo svezzato io in pratica. Ma almeno è cresciuto bene,in salute e in mezzo al nostro amore. Ha un carattere difficile,ha preso tanto dal lupo cecoslovacco....ma con noi è un amore. La nostra guardia del corpo. Ciao buona serata a tutti ;)

    RispondiElimina
  17. Ciao, anche noi spesso ci chiediamo che fine avrebbero fatto se quel giorno al canile i nostri occhi non si fossero incontrati, chissà forse avrebbero trascorso tutta la loro vita in quella gabbia, o forse qualcuno ne avrebbe adottato uno, separandoli per sempre e facendoli, involontariamente, soffrire ancora.
    Che tenerezza il tuo lupacchiotto che è venuto a vivere con voi quando era ancora così piccolino, e quanto amore ci danno questi amici...
    Ricordati che domani pubblico la tua foto e scrivo 2 righe per far conoscere il tuo blog.
    Un abbraccio e un saluto a tuo marito.
    Antonella

    RispondiElimina
  18. Un post molto bello, i miei pelosi ti ringraziano e ti inviano tanti bau festosi.
    Un abbraccio e auguri a tutti i pelosi del mondo
    Xavier

    RispondiElimina
  19. Ciao Xavier, una coccola gigante ai tuoi e un abbraccio a te.
    Antonella

    RispondiElimina
  20. Risposte
    1. Grazie Antonella!
      A presto.
      Antonella

      Elimina
  21. Ciao Anto,
    i miei cucciolotti ti ringraziano con tanti affettuosi lecchini per averli invitati alla bau festa!
    Per quanto riguarda i tuoi, posso dire che sono stati fortunati ma di più lo siete stati tu e tuo marito perchè avete trovato due amici che vi amano di un amore assoluto.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, loro sono stati fortunati ma i veri fortunati siamo noi che abbiamo trovato due amici così.
      Ricambiamo coccole e lecchini.
      Un bacione.
      Antonella

      Elimina
  22. Cari Platone e Cassandra, siete bellissimi, dolcissimi e fortunatissimi ad avere trovato due umani che vi vogliono bene! Una carezza affettuosa a tutti e due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monique, sì, sono stati due cagnetti fortunati, ma siamo stati tanto fortunati anche noi ad aver incontrato loro!. Ti mandano una scodinzolata felice!

      Antonella

      Elimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")