domenica 13 gennaio 2013

Ho pena delle stelle




Ho pena delle stelle


Ho pena delle stelle
che brillano da tanto tempo,
da tanto tempo...
Ho pena delle stelle.
Non ci sarà una stanchezza
delle cose,
di tutte le cose,
come delle gambe o di un braccio?
Una stanchezza di esistere,
di essere,
solo di essere,
l'essere triste lume o un sorriso...
Non ci sarà dunque,
per le cose che sono,
non la morte, bensì
un'altra specie di fine,
o una grande ragione:
qualcosa così, come un perdono?

( Fernando Pessoa )

24 commenti:

  1. Ciao, cara Antonella! Bello il post sui libri: sei un'accanita lettrice come me!
    Ti auguro ancora un buon 2013 e a rileggerci al prossimo post!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lella, lo so che anche tu sei un'accanita lettrice...ma mi sembra impossibile pensare di non avere sempre un libro tra le mani.
      Ancora auguri anche a te.
      Antonella

      Elimina
  2. Grazie Antonella, questa poesia di Pessoa non la leggevo da tanto tempo, ha risvegliato in me tantissimi ricordi di quando ero ragazza e dei miei lunghi viaggi per il mondo.
    Passa una buona domenica
    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatrice sei una donna in gamba e devi essere stata una ragazza altrettanto in gamba, lo capisco dalle cose che posti, da come ricordi il tuo "viaggiare per il mondo" e adesso anche dalle poesie che leggevi.
      Pessoa mi piace tanto, questa poesia, questa pena per le stelle che brillano da tanto tempo mi fa sentire tutta la pesantezza , non del vivere ma dell'esistere.
      Ciao, buona domenica anche a te.
      Antonella

      Elimina
  3. Ciao Antonella, io adoro Pessoa (l'ho scoperto grazie alla canzone di Vecchioni che si chiama "Le lettere d'amore") e le sue poesie sono per me sempre belle.
    Un abbraccio
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non mela ricordo questa canzone di Vecchioni? Sono contenta di aver scelto qualche cosa che ti piace.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  4. Grande Pessoa, questa sua poesia interpreta molto bene l'insofferenza e il male di vivere.
    Buona domenica e un grande abbraccio
    TVB
    Xav

    p.s. bella la foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier, un modo poetico per esprimere tutta la pesantezza dell'esistenza.
      Grazie, sono contenta che la fotografia ti piaccia, è dell'inverno scorso, quest'anno la neve si fa attendere.
      Un bacio.
      Antonella

      Elimina
  5. Bellissima inquadratura, mitico Pessoa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Renata, è una fotografia dello scorso inverno, a me piace per la luce.
      E sì, Pessoa è proprio un mito.
      Buon pomeriggio, a presto.
      Antonella

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao Cav., serena domenica anche a te. Pessoa, è e sarà sempre un grande tra i grandi.
      Antonella

      Elimina
  7. Molto bello il pensiero che anche oltre le cose non c'è una fine, ma che tutto continuerà in un'altra natura.Buona domenica









    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anche a me piace , soprattutto l'idea di qualcosa di simile a un grande perdono.
      Ciao, buona serata.
      Antonella

      Elimina
  8. Che bella!!! non la conoscevo questa ;)
    buona domenica Antonella e un mega abbraccio
    p.s. grazie per i voti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey,a me Pessoa è sempre piaciuto, poi, si sa, tutte le passioni hanno dei momenti di quiete, e con lui era andata così, poi l'altra sera uno stralcio di questa poesia letta in televisione ha di nuovo fatto divampare il fuoco. Ed eccomi qui a proporvelo...!
      Ciao, buona serata, un bacione.
      Antonella

      Elimina
  9. Bella riflessione..nella stupenda poesia di Pessoa!
    Buon pomeriggio
    Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, sono contenta che vi sia piaciuta...a me è piaciuta molto l'idea che anche le cose più "leggere" come le stelle sentano, alla fine, la stanchezza e il peso di esistere.
      Ciao, buona serata.
      Antonella

      Elimina
  10. sì, ad un certo punto c'è anche la sola stanchezza di essere...tanta stanchezza da voler restare fermi, stare fuori e guardare...guardare e basta...per capire...
    una poesia bellissima...
    buona serata
    lella

    RispondiElimina
  11. Parole molto profonde sul senso della vita, dell'essere , della sofferenza, della morte...
    Eppure prioprio l'altro Guirno disquisivo con il pittore sul l'esistenza delle stelle.
    Ogni tuo post e' un invito alla riflessione .
    Come anche ogni tuo commento (a cui ho risposto subito :-)

    RispondiElimina
  12. Ciao Lella, è proprio l'abbinamento spossatezza - stelle che mi affascina e mi fa sentire la pesantezza dell'esistere in modo ancora più forte.
    Ciao, buona serata e buon inizio di settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  13. Ciao Vaty, grazie, sei sempre molto carina nei miei confronti.
    Sai che spesso anch'io e il restauratore disquisiamo su stelle, infinito, universo, mondi...?.
    Passo subito da te.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  14. Non nell'accademia e nemmeno nelle mode, proprio un solitario
    e bravo anche.
    Grazie della mezza mostra che c'hai portato a casa.

    RispondiElimina
  15. Ciao Massimo, ma tu eri poi andato a vederla? Vabbè se non ci sei andato l'hai vista qui da me...lo trovo bravissimo!.
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")