martedì 8 marzo 2016

L'uomo che veniva da Messina, Silvana La Spina








" Messina 1479. Un uomo sta morendo nella sua casa. dopo aver vagato per mesi accompagnato da una bara con dentro una giovane donna. E' Antonella da Messina, il grande pittore siciliano,
appena tornato da una Venezia flagellata dalla peste.
Antonello è famosissimo ormai. Ma la Sicilia non ama i suoi figli più geniali e Antonello lo sa, per questo
adesso, nel delirio finale, invoca il vecchio maestro Colantonio.









Quel delirio gli farà rivivere l'infanzia pezzente e l'incontro con i misteriosi artisti de " Il Trionfo della Morte ", lo porterà ad una Napoli dominata dai cortigiani, come il Panormita e la bella Lucrezia, alla Roma dei cardinali cialtroni e delle puttane; dalla Mantova del Mantegna alla Arezzo di Piero della Francesca. Da Bruges, dove finalmente scoprirà l'amore e persino il segreto della pittura ad olio, ad una Venezia che gli darà fama e gloria e l'amicizia coi Bellini.









Il romanzo - scritto in una lingua ora lucida ora appassionata - è anche l'affresco dell'epoca, crudele, affamata di gloria, dove domina l'Angelo della Morte.









Tanti sono i comprimari di questa vicenda, dai famigliari meschini e sanguisughe, alla nana
Nannarella morta per amore nei vicoli di Napoli; dall'aristocratica Volatrice e forse erede del trono
di Sicilia, al buffone Cicirello; dai Vicerè scaltri ai fanatici fratti Osservanti, che scatenano a Messina
rivolte contro il malgoverno.









Ma in quei viaggi una sola luce per Antonello: Griet, la figlia bastarda di Van Eych.
E una sola ossessione: la pittura a olio dei fiamminghi.









Un romanzo storico? Un romanzo picaresco e sulfureo? Un romanzo sull'arte o un romanzo
sull'amore eterno? Forse solo un romanzo su un uomo, Antonello, che fece della sua ambizione un'arma, della fame di carne e di femmine un'ossessione, della pittura uno strumento per durare in eterno





( Immagini dal web )

16 commenti:

  1. Grazie Antonella per l'interessante recensione che invita alla lettura.
    Come sempre sei brava a trovare gioielli.
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cettiona, mi scuso per la lunga assenza e per il post in realtà un po' affrettato ma sono stata parecchi giorni con il pc " morto" in attesa dell'arrivo di quello nuovo.
      E' un libro che merita di essere letto, avvincente e scritto molto bene.
      Un abbraccio e l'augurio di una felice settimana.
      Antonella

      Elimina
  2. Cara Antonella, un grazie per questo interessante post.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Tomaso di esserci sempre.
      Buona settimana, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  3. Questo è proprio il genere che piace a me! Mi collego con il sito della mia Biblioteca e lo prenoto immediatamente. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi spiace perchè il post è stato preparato un po' di corsa servendomi del risvolto di copertina, purtroppo ero senza pc. Comunque è un libro che mi è piaciuto molto, ben scritto, intenso, avvincente, te lo consiglio!
      Buona settimana.
      Antonella

      Elimina
  4. Qualche anno fa, al Museo Diocesano di Milano, ho visto "l'Annunciata" , il capolavoro di Antonello da Messina.Il quadro è stato esposto lì per qualche tempo, in occasione del Natale (mi pare), prima che iniziasse la consuetudine del capolavoro a Palazzo Marino. Un quadro straordinario ! Il libro è interessante, forse lo comprerò perchè amo i romanzi storici. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo il dipinto non l'ho mai ammirato dal vero ma , indubbiamente, è meraviglioso. Il libro è molto bello, purtroppo io ho scritto un post velocissimo a causa dei problemi che ho avuto con il pc ma meriterebbe un'analisi più approfondita. Se lo leggi poi mi dici come ti è sembrato.
      Felice giornata.
      Antonella

      Elimina
  5. Ciao Antonella,
    un racconto interessante. Grazie per le informazioni
    un abbraccione e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Audrey, un libro molto bello che sono sicura ti piacerebbe leggere.
      Un bacione.
      Antonella

      Elimina
  6. Ciao Antonella, grazie della "segnalazione" speciale come sai fare tu, di questo romanzo. Terrò presente.
    Buona festa per domani, e un abbraccio♥
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, ricambio i tuoi auguri. Sì, tieni presente questa lettura è una bella storia scritta meravigliosamente.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  7. Un racconto interessante.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, soprattutto se si ama l'arte.
      Ti auguro una felice giornata.
      Antonella

      Elimina
  8. Non si può non leggere un libro presentato con tale bellezza.
    Un abbraccio a te Antonella e buona Giornata Internazionale della Donna, da donna a donna col cuore !

    RispondiElimina
  9. Grazie Antonella,come sempre con post e notizie interessanti.Ti farò sapere,è già in lista-Ho visto il Ritratto di ignoto marinaio,a Cefalù-museo fondazione della Mandralisca.Ti fermeresti ore davanti a quell'enigmatico sorriso.Ma hai ragione,nemo profeta in patria,e vale per tanti altri importanti maestri.

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")