mercoledì 7 gennaio 2015

Eve Arnold, la fotografa delle modelle di colore spinta dalla curiosità




La mostra di Torino dedicata pochi mesi fa alla grande fotografa americana
Eve Arnold è stata l'evento per ricordare presso il locale Circolo della Stampa questa straordinaria
figura che attraverso le immagini ha rappresentato la seconda metà del '900.








Eve Cohen nasce a Philadelphia il 21 aprile 1912. I genitori sono emigrati russi di religione 
ebraica ed Eve è la terza di sei fratelli. Il padre, rabbino, sbarca il lunario come venditore
porta a porta di prodotti per la casa. Eve comunque frequenta le scuole serali lavorando 
saltuariamente di giorno in una farmacia e riesce a diplomarsi con ottimi voti. Si iscrive poi 
alla facoltà di medicina, mentre è comunque attiva nella pratica socio - sanitaria quale 
infermiera professionale. Ma nel 1943, improvvisamente, abbandona gli studi e il lavoro e 
si trasferisce a New York.








L'occasione importante arriva attraverso una fortunosa assunzione alla Standard Brands,
 una società che all'epoca si occupava di sviluppo e stampa di fotografie e filmini
per dilettanti.








Nel 1946 un caro amico le regala una Rolleiflex, una macchina fotografica molto compatta
 e facile da maneggiare. Eve si sente al settimo cielo e dà sfogo finalmente
a tutta la sua creatività.








La svolta però giunge nel 1948 quando frequenta un corso di fotografia
di sei settimane presso la New School for Social Research. Uno degli insegnanti infatti è Alexey Brodovich, Art Director della Harper's Bazaar, che intuisce immediatamente le grandi qualità di Eve.








Nello stesso anno Eve sposa un facoltoso industriale, Arnold Arnold, e dalla loro unione
 nascerà un figlio, Frank Da una delle domestiche del marito, Eve verrà a sapere di alcune 
sfilate di moda  che si svolgono ad Harlem, dove ragazze nere si improvvisano modelle
al pari delle patinate e più famose ragazze bianche che imperversano sui rotocalchi.








Eve effettua uno straordinario servizio controcorrente e Brodovich comprende
subito di avere davanti un reportage epocale.
Il servizio, ritenuto scandaloso, non troverà inizialmente posto nelle riviste Usa,
ma sarà pubblicato nel 1951 sulla rivista inglese Picture Post.
E' l'inizio di una carriera folgorante.
















Henry Cartier - Bresson, fondatore dell'Agenzia Magnum- Photo, insieme a Robert Capa,
David Seymour, George Rodger, e William Vandivert, la chiama lo stesso anno
quale free - lance, prima donna, e sei anni dopo sarà ancora la prima donna tra gli associati.








La Arnold ( manterrà il cognome del marito anche dopo il divorzio ) riceverà incarichi prestigiosi
 di vario genere. Arriveranno così servizi di grandi dive ( Elisabeth Taylor, Joan Crawford, Marlene Dietrich e soprattutto Marilyn Monroe ) di attivisti politici ( Martin Luther king e Malcom X ), di statisti
( Dwight Eisenhower, Indira Gandhi ed Elisabetta III ), grandi servizi negli ospedali ( i primi cinque
minuti di vita dei bambini ) e nel mondo ( Afghanistan, Cina, Usa " on the road ", Cuba, Urss,
Mongolia e i grandi giardini d'Italia e d'Europa ), solo per citare parte della sua
eccezionale attività.












Insignita di ogni possibile onorificenza in tutto il mondo ( Italia compresa ),
Eve si spegne a Londra il 4 gennaio 2012. In un'intervista del 2008, alla domanda
" cosa l'ha spinta a questa lunga attività? ", rispose semplicemente:
" Curiosità, solo la curiosità. "










( Sergio De Benedetti, Libero del 31 dicembre 2014 )
( Fotografie dal web )













post signature

26 commenti:

  1. Grandissimo post! Questa fotografa non la conoscevo.. grazie di avermela "presentata" ^^ .
    Un'artista innovativa ^^ .
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Polly per aver trovato interessante il post. Davvero una grande fotografa e una pioniera...
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  2. Bellissimo Post. Mostra da vedere
    Un abbraccio Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio, sì, una grande artista, la mostra sarebbe proprio da vedere.
      Un caro saluto e, anche se in ritardo ti auguro un felice 2015.
      Antonella

      Elimina
  3. Cara Antonella, interessante e curioso post è questo,. cercare la propria strada non è mai facile.
    Ciao e buon pomeriggio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Tomaso, cercare e trovare la propria strada non è mai facile...ma quando la si trova così e si diventa un'artista di questo livello deve essere meraviglioso!
      Ti auguro una buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  4. Una grandissima artista, cara Antonella.
    Quando qualcuno ha qualcosa in più degli altri... il potenziale prima o poi esplode! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Moz, quando si hanno certi talenti, anche se la vita sembra portarci in tutt'altra direzione, prima o poi quel " quid " che fa la differenza esplode...
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  5. Immagini meravigliose, mi piace il tuo omaggio alla fotografia! Mi sento molto triste il tuo Natale, vi auguro Buon 2015 !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leovi...adesso le cose iniziano ad andare un po' meglio.
      Contentissima che ti sia piaciuto questo omaggio a una fotografa grandissima...in realtà lo pensavo che lo avresti apprezzato.
      Un abbraccio e buon 2015.
      Antonella

      Elimina
  6. Il bianco e nero non perderà mai il suo fascino, specialmente se a produrlo e stato un talento straordinario
    complimenti per questa impareggiabile carrellata
    ciao buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziano, hai perfettamente ragione il bianco e nero non perderà mai il suo fascino...se poi si è una fotografa di questa bravura si toccano vette irraggiungibili...
      Buona serata e, anche se in ritardo, buon anno.
      Antonella

      Elimina
  7. Ciao Antonella,
    sono immagini straordinarie viste da un occhio di arstista fuori dal comune, non solo per la loro estetica, ma per la vita che raccontano.
    Spero che le vostre feste siano state serene e vi auguro un anno nuovo pieno di cose buone:)
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, come forse avrai già letto le feste non sono andate molto bene, purtroppo è mancato mio zio, a cui ero molto legata, e...ti confesso che per la prima volta nella mia vita sono contenta che siano finite. Ho letto i messaggi che mi hai lasciato e ti ringrazio.

      Questa fotografa è stata un vero talento...le sue immagini sembrano uscire dalla carta e diventare realtà. Era davvero molto brava, come dici bene tu, ha saputo raccontare la vita.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
    2. Antonella carissima,
      sono andata a leggere i post a ritroso ed ho trovato quello che cercavo; avevo perso un po' il filo a causa dei contatti talvolta saltuari tra noi blogger.
      Se avessi saputo non avrei di certo inviato gli auguri. Conoscendo e apprezzando la cura che dedichi al tuo blog, mi stupivo di una certa assenza di nuovi post: non potevo immaginare una causa così grave.
      Ti abbraccio forte :)
      Marilena

      Elimina
    3. Grazie Marilena, non preoccuparti, non potevi sapere cosa stava succedendo, anzi, sei stata molto cara a preoccuparti.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  8. Sono degli scatti favolosi.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, la fotografia qui diventa grande arte.
      Buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  9. Non conoscevo la storia di questa fotografa, davvero brava!!
    Un gran bel post cara amica e come sempre alle parole hai accompagnano degli scatti superbi.
    un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey...già, scatti superbi...quanto vorrei saper fotografare così!
      Un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  10. Splendido post. Fotografie eccezionali che raccontano i movimenti dal prima al dopo dello scatto. Sono tratti di grande delicaterzza, scatti colti in momenti perfetti. Davvero bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, una fotografa davvero molto brava...in ogni fotografia c'è tutto un mondo.
      Ti auguro una felice giornata.
      Antonella

      Elimina
  11. Grazie per avermi fatto conoscere questo personaggio femminile così anticonformista.Belle le foto con Marilyn!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, un personaggio che mi è piaciuto molto, mi fa piacere che abbia suscitato il tuo interesse.
      Antonella

      Elimina
  12. Meraviglioso post, Antonella. Un po' di sogno è necessario, soprattutto in questi giorni di follia generale.Buon anno!

    RispondiElimina
  13. Hai ragione, abbiamo bisogno di qualche momento di serenità in mezzo al caos e la follia che si sono scatenati.
    Buon anno e buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")