lunedì 14 aprile 2014

Fabrizio Quattrocchi, abbiamo dimenticato come muore un Italiano






21 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella,
      di lui ricordo sprazzi di storia. Quello che mi colpi, vedendo alcuni reportage giornalistici, fu il come venne ucciso e ciò che disse. Ci vuole coraggio a morire cosi, non è da tutti e hai fatto bene a ricordarlo.
      Buona giornata baci

      Elimina

    2. Ciao Audrey, sì ci vuole coraggio...un eroe dei nostri giorni che come vedi preferiamo non ricordare!
      Un bacione.
      Antonella

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. No, non abbiamo dimenticato...

      "O Signore, tu puoi; dagli il cielo degli eroi." (da R. Pezzani)

      Elimina
    2. Splendida citazione Lella, grazie per averla scritta nel tuo commento.
      Buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. In questa società che vive troppo velocemente, tutto si dimentica in fretta. Hai fatto bene a proporci questo post. Fabrizio è stato un grande esempio.

      Elimina
    2. Grazie Ambra di aver apprezzato questo ricordo...Un grande esempio sì, ma a quanto vedo un po' dimenticato.
      Ti auguro una serena giornata.
      Antonella

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ed è già nel dimenticatoio...

      Elimina
    2. Sì, è già nel dimenticatoio...in realtà lo è stato quasi subito...fa male vedere che questi grandi uomini, quelli che davvero fanno grande l'Italia, per la maggior parte della gente, nel migliore dei casi, nemmeno sono esistiti.

      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao
      hai fatto bene a ricordare. Non bisogna dimenticare un eroe, un uomo molto coraggioso. Ho visto ieri un ricordo al Tg.

      Elimina

    2. Sì, io credo che fosse giusto ricordarlo e rendergli, ancora, l'onore che merita.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata davvero carina a ricordarlo.
      Ti abbraccio

      Elimina
    2. Grazie Betty, penso che meriti di essere ricordato come un eroe.
      Un abbraccio e buona serata.
      Antonella

      Elimina
  7. uno dei post migliori letto la settimana scorsa: http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2014/04/top-of-post-21-aprile-2014.html
    Buona Pasquetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta, un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  8. Grande blog ..fiera dei tuoi premi e di essermi iscritta!
    Dopo una settimana di ospedale non ricordo se tu ti sei unita al mio..e ne avrei molto piacere..
    Un bacio mattutino..grazie!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")