lunedì 13 gennaio 2014

Fine settimana a Milano / Rodin: il marmo, la vita






Durante il nostro consueto fine settimana di dicembre a Milano
non abbiamo potuto fare a meno di visitare di visitare
questa importante mostra, soprattutto mio marito ci teneva tantissimo.
E le nostre aspettative non sono state deluse.






Rodin ha un rapporto speciale con il marmo: 
i suoi contemporanei vedono in lui un dominarore di fronte
al quale la materia trema.






Le sue sculture lontane dall'essere convenzionali, danno vita e forma alla modernità,
 animando proprio la materia classica per eccellenza, il marmo,
destinata per sua natura all'immobilità.






La Mostra, curata da Aline Magnien, Conservatore capo 
del Musée Rodin di Parigi, in collaborazione con Flavio Aresi, si avvale di 
un'attività di ricerca svolta dal museo parigino, che ha condotto 
un'ampia analisi storica e critica sulla bottega artistica del genio francese
e le sue metodologie di elaborazione della pietra.






Da alcuni anni il Musée Rodin è impegnato in uno studio
approfondito della produzione marmorea di Rodin
arrivando a riconoscere anche i singoli collaboratori del Maestro
che hanno lavorato ai blocchi di marmo.






Promossa  e prodotta  dal Comune di Milano - Cultura.
Palazzo Reale, Musée rodin di Parigi, Civita ed Electa, in collaborazione
con il Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, la mostra, che espone i marmi
in sequenza cronologica è quindi un percorso nell'estetica e nella pratica scultorea
del genio francese.






Quello che emerge è una sensibilità del tutto nuova rispetto alla sua epoca,
dove la materia cerca la sensualità e il nudo si espone
con una carica erotica fortemente innovativa.













La mostra si colloca in una straordinaria scenografia.
Lwallestimento è stato progettato dallo studio internazionale 
Bureau des Mesarchitectures - Didier Faustino,
per mettere in rilievo le diverse sezioni del percorso espositivo e 
stabilire un dialogo  con lo spazio architettonico della Sala delle Cariatidi.
Grazie anche alle luci di Gimbattista Buongiono, i marmi bianche di Rodin
prendono vita in un contesto suggestivo e sorprendente.






L'illusione della carne e della sensualità è il tema della prima sezione,
dove sono raccolte alcune delle opere giovanili di im pronta classica





Fra queste il celeberrimo " Homme au nez cassè ", 
omaggio al grande genio di Michelangelo,
rifiutato al Salon parigino del 1864 e 
Il bacio
la scandalosa scultura che fece scalpore nella Feancia di fine ottocento.



















La seconda sezione - la figura nel blocco -
propone alcune tra la sculture più conosciute di Rodin.
Accanto a ritratti di grande intensità, lontani dalla fredda precisione
d'inizio carriera, come il busto dedicato alla compagna di una vita
Rose Beuret, si alternano richiami all'eros e alla disinibita
ricerca formale ed estetica del maestro.










 Qui le bellissime " Mains d'amant " sono un richiamo 
lirico all'amore e alla sensualità, ma lasciano già pienamente
comprendere il lavoro di recupero della tradizione  che Rodin conduce
insieme all'affermazione di una nuova linea di scultura.






Nella terza sezione - La poetica dell'incompiuto - 
si rappresenta il trionfo del " non finito ", l'artificio linguistico
che rimanda immediatamente a Michelangelo e che Rodin svolge in 
una chiave di assoluta modernità.





Qui sono esposti alcuni tra i più bei ritratti eseguiti dall'artista,
tra cui quello celebre a Victor Hugo






e quello, meno noto, a Puvis de Chavannes,
il grande decoratore di muri  molto in voga all'epoca.


Altre opere esposte




























( fotografie dal web )

( Milano, Palazzo Reale fino al 26 gennaio )








































30 commenti:

  1. Quelle figure, quei corpi che escono faticosamente dalla materia mi inquietano, mi tuffano nel corpo femminile dal quale faticosamente esce una nuova creatura. Conoscevo di lui solo qualche scultura, naturalmente Il bacio, ma scorrendo le tue immagini trovo nelle sue opere un che di morbido, di dolcissimo come se l'amore dell'autore per il marmo lo spingesse ad accarezzare la materia per trasformarla senza distruggerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ambra, io devo confessare che lo conoscevo poco, certamente il bacio, e visitare questa mostra è stata una rivelazione.

      Le figure sembrano uscire dalla materia e prendere corpo...mi sembra di sentirne la fatica e mi affascina.

      Ti auguro una buona serata.
      Antonella

      Elimina
  2. Antonella vi ringrazio molto per questa collezione formidabile e squisita di sculture di Rodin, immagini preziose, il mio preferito è il bacio! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leovi, grazie a te per aver apprezzato il post. Anche a me Il bacio piace molto ma le mie preferite sono le mani...mi incantano.

      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  3. Conosco bene queste sculture, il museo Rodin è una meta che io e Etienne frequentiamo spesso: sono contento che anche gli italiani adesso possano apprezzare le sue opere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xavier, spero davvero che parecchie persone abbiano colto questa splendida occasione, una mostra importante e da non perdere.

      Un grande abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  4. Stupende!
    Le mani su tutte!
    Sai cosa mi fanno pensare queste opere? Ai confetti! Oo

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moz, anch'io trovo stupende le mani sia, Le mani degli innamorati che La mano di Dio.

      Ma come fanno a farti pensare ai confetti? Sei incredibile!
      Ti auguro una buona serata.
      Antonella

      Elimina
  5. Cara Antonella.
    Sono bellissime queste sculture.
    Da passera giorni a guardare.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Thais, hai ragione, si potrebbe rimanere giorni interi ad ammirarle1

      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  6. Rodin mi piace moltissimo.
    Le sue opere sono straordinarie...il bacio sembra reale...

    Buon pomeriggio, Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna, sono contenta di aver pubblicato un post su un argomento che ti piace. In realtà io lo conoscevo poco ma sono uscita da questa mostra entusiasta. Anche a me piace molto il bacio ma le mani sono incredibili.

      Buona serata.
      Antonella

      Elimina
  7. Adoro, le mani e il bacio, mi hanno incantata. Ovviamente, non si può di certo negare la grande maestria nello scolpire e poi adoro quel levigare e far uscire arte dal marmo lasciando anche un po' di grezzo, come ha voler sottolineare la vera natura di quel capolavoro ;)
    un bacione e complimenti, gran bel post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, anche a me piacciono tantissimo le mani e , naturalmente, il bacio.

      Queste sculture danno davvero la sensazione di vedere le figure uscire dal blocco di marmo, lo si nota tantissimo, secondo me, nei busti dei personaggi e li rende oltremodo affascinanti.

      Grazie dei complimenti e un grande bacio.
      Antonella

      Elimina
  8. Ciao Antonella. Non pensi che un uomo capace di tanta sensualità nelle sue opere debba sicuramente essere stato un grande seduttore ?! Quando vedo Rodin penso sempre a Camille così brava finita in manicomio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia, anch'io penso che sia stato un grande seduttore e mi chiedo quanto devono aver sofferto le donne che lo hanno amato...Camille compresa che dopo la fine della sua storia con lui non è più riuscita a vivere la sua vita ed è finita in manicomio abbandonata anche dalla sua famiglia. Spesso una grande sensibilità artistica non corrisponde ad una grande sensibilità nella vita quotidiana.

      Ciao, a presto.
      Antonella

      Elimina
  9. Sculture così plastiche che sembrano cera...stupende!! Conoscevo alcune opere di Rodin, ma tu qui ci hai presentato una bella rassegna...è un artista che mi piace molto!
    Buona serata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania, ho presentato solo alcune delle opere presenti nella mostra, quelle che a me sono piaciute di più, che mi hanno colpita in modo particolare. Io lo conoscevo poco e devo dire che sono felice di aver avuto l'occasione di poterlo apprezzare.

      Un caro saluto.
      Antonella

      Elimina
  10. Rodin secondo me ha fatto per la scultura ciò che Monet ha fatto per la pittura: ha rispolverato l'arte francese dal vecchiume e dalla polvere, rendendo le opere bellissimo e dandogli nuova luce!
    Le statue sono molto belle, grazie per aver condiviso le foto :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Melinda, penso che tu abbia ragione...d'altra parte era un momento di grande fermento culturale e in cui sono nate opere stupende in tutti i settori dell'arte.
      Se capiti a Milano ti consiglio di visitare questa rassegna, merita di essere vista.

      Un bacione.
      Antonella

      Elimina
  11. Monsieur Rodin sapeva il fatto suo, quanto amore nelle sue opere, i parigini lo amano moltissimo e fanno bene.
    Un abbraccio zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho mai apprezzato particolarmente ma dopo aver visto questa mostra ho dovuto ricredermi...emozione allo stato puro!

      Un abbraccio zamposo.
      Antonella

      Elimina
  12. Opere di grande bellezza.
    Ti auguro una serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono opere bellissime ed immortali.

      Buona giornata.
      Antonella

      Elimina
  13. Splendide sculture, opere dell'uomo che parlano d'amore!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta, Beatris, che ti siano piaciute e di aver potuto condividere anche con te quest'emozione.

      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  14. Trovo siano meravigliose queste sculture cara Antonella, molto sensuali ed eleganti.
    Quelle mani che escono dal blocco sono straordinarie!
    Grazie per questa bellissima visuale. un bacione enorme, spero ti sia ripresa bene :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Betty, anche per me quelle mani che sembrano trafiggere il marmo ed uscirne sono sublimi..
      No Betty, non mi è ancora passata ma non mi preoccupo perchè ogni volta è così.
      Grazie a te per aver apprezzato queste opere.

      Un bacione e un abbraccio a tutti voi.
      Antonella

      Elimina
  15. Sempre interessante passare da te !!! Grazie:)))
    Ciao Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lieta, sono felice di questo!

      Antonella

      Elimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")