lunedì 13 giugno 2016

Cuore di cane





Lunedì è morto un eroe, anzi un'eroina, perchè era femmina.
Aveva sedici anni che per la sua specie sono un'esistenza lunghissima.
Bretagne - questo era il suo nome - era un cane, un Golden Retriver. Che splendida razza di cane fosse in senso anche metaforico, Bretagne l'ha dimostrato nel giorno più tragico della recente storia americana, l'11 settembre 2001.
Allora Bretagne aveva solo due anni e si era da poco guadagnata il certificato di cane da soccorso.









Insieme con la sua addestratrice prima di infilò tra i detriti di Ground Zero alla ricerca di superstiti, poi dei poiveri resti, per dieci giorni. Di lei i componenti delle squadre di soccorso e i pompieri ricordsano che " prendeva il lavoro molto seriamente ma lei no, non si prendeva sul serio, era sempre pronta ad andare dal collega che aveva bisogno di sentirsela accanto, strofinarle la pancia. "









A 9 anni Bretagne si guadagnò la meritata pensione, ma proseguì a far felici gli uomini come
Goodwill Ambassador dellUnicef.
La sua storia non è che uno dei tantissimi esempi di cani eroici, compagni insostituibili dell'uomo









E' una storia antica di millenni che, come insegna l'etologia, comincia da quando il lupo - progenitore di tutte le razze canine -venne letteralmente accolto nella famiglia umana, e scocco l'imprinting.
Così, a differenza per esempio dei gatti, che nonostante riescano ugualmente a stabilire rapporti meravigliosi con l'uomo hanno comunque mantenuto il loro " io " più autonomo, quello del cane si è ancor di più connesso a quello dell'uomo, sviluppando reciproci istinti di cura e protezione che scattano ad uno sguardo.









A dire il vero il legame è qualcosa di più che questo visto che non di rado arriva al sacrificio della vita. come è accaduto di recente nell'Uttar Pradesh, stato nel nord dell'India.
Gustav Singh, un contadino, è stato assalito da una tigre. A quel punto la sua cagnolina Jacky si è lanciata in una lotta dall'esito segnato contro l'irresistibile felino, che l'ha uccisa e trascinata via.
Il suo sacrificio ha consentito al contadino di scappare incolume. Il corpo è stato trovato poi dagli altri contadini nei pressi della fattoria della famiglia Singh. La cagnolina era stata presa dalla strada quattro anni fa dai figli di Gurdev e il suo sacrificio ha colpito duramente i bambini. "Vorrei che gli umani imparassero come amare gli altri e mostrare devozione" ha aggiunto il contadino.









E in Florida il cane lupo Haus ha fatto schermo con il suo corpo alla sua padroncina di sette anni, attaccata in giardino da un serpente a sonagli. Morso tre volte alla zampa saltando davanti al rettile per permettere alla piccola di scappare. Ora i padroni hanno fatto una petizione on line per raccogliere i fondi necessari a salvarlo.









E ancora durante il terribile terremoto dello scorso Aprile in Ecuador, eroico è stato il labrador Dayko, cane di salvataggio di quattro anni. Dopo ore tra le macerie con i vigili del fuoco e sette vite salvate, il suo cuore è scoppiato per lo sforzo.









E come dimenticare il pastore belga Diesel, cane poliziotto dei reparti speciali francesi, mandato in avanscoperta nel blitz decisivo contro Abdelhamid Abaaoud, la mente dietro gli attacchi terroristici a Parigi nel novembre dello scorso anno. E' stato lui, non un uomo , ad entrare per primo nell'appartamento e venire abbattuto.









E poi c'è il cane soldato Rocky, pastore tedesco che accompagnava il soldato speciale americano Brown in Afghanistan. Investiti entrambi dall'esplosione sono stati ricoverati insieme prima in Germania e poi a Washington, nella stessa stanza. Due compagni d'armi che si danno forza a vicenda nella lunga guarigione e contro la sindrome da stress postbellico.









Ma per fortuna non è sempre inevitabile immolarsi. A Monza, l'anno scorso, Toby, un bastardino breton appena accolto in una famiglia dal canile comunale, una notte, lui solitamente così quieto, ha preso ad abbaiare facendo la spola tra la porta d'ingresso e la camera da letto. Sul pianerottolo era appena crollato per un infarto il vicino che viveva da solo e si era trascinato per chiedere soccorso senza però riuscire a suonare il campanello. Ora è salvo.









Come scrive Goffredo Parise in un suo bel " sillabario "  intitolato Anima, allorchè un uomo ritrova morto il cane che aveva saltuariamente accudito: " Si domandò ( o si disse? ) una cosa molto bella e degna di lui < I  cani hanno un'anima > "





( Immagini dal web )
( Fonte Giordano Tedoldi )





post signature

13 commenti:

  1. Carissima Antonella,
    in questo scorrere di storie si consolida e riafferma un aspetto fondamentale della natura di questi amici a quattro zampe e tanta dedizione fino al sacrificio e il rapportogli umani, siano i loro proprietari che sconosciuti in pericolo.La generosità del cane non ha limiti e non fa distinzioni. Non penso che sia solo istinto, ma sensibilità vera, come e più di quella degli uomini.
    Abbiamo tutti noi di che riflettere e imparare:))
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, concordo con te anch'io non credo si tratti di semplice istinto ma piuttosto di generosità e altruismo. I cani sono capaci di vero amore.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  2. Cara Antonella, noi umani dovremmo imparare da loro cosa vuol dire amare, io penso che hai coni le manca solo la parola!!! per dimostrare che possono fare scuola a tutti noi.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Tomaso, dovremmo imparare da loro cosa significa amare.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  3. Amore....loro sì che sanno l'amore vero e puro che cos'è! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, loro sanno amare davvero...
      Antonella

      Elimina
  4. sappi che mi hai fatto piangere!!! -.-'
    ufffa ... non potevano essere degli eroi viventi?
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, il post è molto triste...ma penso sia giusto ricordare questi eroi.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  5. Alcune parti del tuo post le ho dovute saltare perchè poi mi metto a piangere, se mi commuovo.
    Io vorrei che tutti gli animali potessero vivere amati, curati e coccolati, come si meritano. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio quello che vorrei anch'io, una vita serena e felice per tutti gli animali...purtroppo la realtà è ben diversa...
      Ti auguro una buona serata.
      Antonella

      Elimina
  6. ciao
    mi sono emozionata tantissimo leggendo questo post. Dobbiamo imparare da loro. I bau danno tantissimo. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono storie che emozionano davvero perchè sono storie d'amore disinteressato...abbiamo tanto da imparare da questi piccoli amici pelosi!
      Antonella

      Elimina
  7. Il post migliore che mi ha colpito di più la settimana scorsa http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2016/06/top-of-post-20-giugno-2016.html

    RispondiElimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")