martedì 7 giugno 2016

Ciao Gian Luca!



Ieri, in una domenica elettorale, è mancato un grande uomo, ci ha lasciati l'Onorevole Bonanno.

Su di lui si è detto di tutto e il contrario di tutto, la realtà è che in queste valli è stato amato e  tanto si è parlato di lui e delle sue iniziative:  i vigili di cartone con il suo viso per far rallentare le macchine senza tartassarle con l'autovelox, piazza all'imbocco della Valsesia cartelli con scritte anche in arabo per vietare burqa e veli vari, l'annuncia di voler distribuire profilattici agli extracomunitari che fanno figli che poi non possono mantenere,. Promette premi ai concittadini in sovrappeso che riescono a dimagrire, pensa di regalare galline ai concittadini in difficoltà. Per incrementare la produttività dei dipendenti del municipio fa spostare la macchinetta del caffè nel suo ufficio. Tra il 2008 e il 2014 fa il deputato, record di presenze. Nel 2014 è sindaco di Borgosesia. Nel 2014 punta a Bruxelles, quasi 27mila voti, tra i leghisti fa meglio solo Salvini
A Bruxelles non cambia metodo: suona la tromba alla fine di un intervento in aula per " dare la sveglia". Si presenta in divisa militare e con il burqa. Alla Zanzara ne dice di cotte e di crude. Pure sui gay non si tira indietro. Propone chip per controllare i profughi, suggerisce di espropriarli dei cellulari, compra pagine di giornali belgi per arrivare a Molbeek: " lotterò per difendere i valori cristiani". Quando scoppiano le bombe all'aeroporto di Zaventem le schiva per un soffio e si commuove in televisione raccontando l'episodio.l
Ha dato dei piangini ai napoletani e ha accusato Garibaldi " di aver unito l'Italia ma diviso l'Africa ".
Ha fatto inferocire chiunque da Gad Lerner a cui ha dato del tirchio fino alla comunità ebraica per non parlare di Cecile  Kyenge e Sel


In silenzio ha aiutato tane persone che ne avevano bisogno sia a livello locale che nazionale, istrionico sui palchi della politica, schivo e discreto quando si dava da fare per il bene dei singoli.

.Ieri sui social è esondata  la fogna di chi festeggia per la sua morte, per le gravissime condizioni della moglie e per i due figli rimasti soli, ma qui , nelle sue terre, nelle valli dove abbiamo toccato con mano il suo lavoro resta solo il dolore e il rimpianto-
Ha fatto tanto parlare di sè e , qui, non avremmo mai pensato di avere sue notizie in una domenica piovosa e rimanere senza parole.

Buon viaggio Gianluca e grazie per esserci stato!

14 commenti:

  1. Pure lui una vittima delle strade, purtroppo anche questo succede, mi sembrava un uomo giusto!!!
    Ciao e buona settimana cara Antonelle.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era un uomo giusto...forse, a volte, per farsi ascoltare si poneva un po' sopra le righe ma ovunque ha amministrata ha fotto rifiorire i paesi ed è stato ed è ancora oggi molto amato.l Per noi una grave perdita.
      Felice settimana.
      Antonella

      Elimina
  2. Conoscevo Bonanno per averlo visto molte volte in tele, soprattutto sulle televisioni locali. Non sto a giudicare il suo operato, nel bene e nel male. Mi ha colpito la sua morte improvvisa e la sua età ancora giovane, vittima, anche lui della strada. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirtillo, Bonanno non era solo il Bonanno un po' istrionico che appariva alla televisione, era una persona che ovunque abbia amministrato ha dato molto e non si è mai risparmiato. Senza contare il bene e l'aiuto che ha dato, anche a livello nazionale, a molte persone che ne avevano bisogno...senza i clamori delle televisioni.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  3. Ciao Antonella, hai un blog molto interessante. Se ti fa piacere sei invitata a partecipare alla mia 'festa dell'amicizia', un modo semplice e divertente per conoscere nuovi blog e farsi conoscere.
    A presto!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, ci sarò. A presto.
      Antonella

      Elimina
  4. Brava Antonella, Grazie, Belle e Vere Parole...!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe, un vero ed inaspettato piacere incontrarti qui sul mio blog, peccato la tristissima circostanza. Non c'è nulla da aggiungere, è stata una grave perdita.
      A presto.
      Antonella

      Elimina
  5. Si possono non condividere idee e metodi per manifestarle e per renderle pubbliche ma resta il fatto che è andata persa la vita, ancor giovane, di un uomo che ha lottato per il proprio territorio e per l'Italia onesta. Onore al merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, infatti per prima cosa è andata persa la vita, giovane, di un uomo e poi viene il politico che, sicuramente con toni inconsueti ma anche con grandissima onestà, ha portato avanti le sue idee pubblicamente ed ha aiutato tanti in modo completamente privato. Onore al merito.
      Antonella

      Elimina
  6. Ciao Antonella,
    di lui me ne hai parlato tanto e sempre con grande affetto. Nonostante sia politicamente distante dai suoi ideali su molte cose aveva ragione e forse, se fosse ancora qui, potrebbe dare e dare ancora e ancora alla sua gente continuando per la sua strada che, da quello che i racconti sempre, male non era :)
    Mi spiace tanto un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì avrebbe dato ancora molto, avrebbe continuato a dare...il destino aveva predisposto diversamente. Domani daremo l'ultimo saluto a una persona che ha amato davvero tanto la sua terra.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina
  7. Una notizia triste. Notizia che ti fa rimanere senza parole. Prima di un politico era un uomo, non so come si possa festeggiare per la morte di una persona. Secondo me era una persona vera, non si nascondeva dietro a bugie, è sempre stato se stesso. Un pensiero alla moglie e ai figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, non so nemmeno io come si possa festeggiare la morte di un uomo...soprattutto la morte di un uomo vero in mezzo a dei politici che tutto sono meno che uomini veri. Martedì siamo stati al suo funerale e la disperazione della gente " normale " era tangibile. Per noi è stata una grandissima perdita, al di là del credo politico.
      Un abbraccio.
      Antonella

      Elimina

Piemontesità

Piemontesità
" ...ma i veri viaggiatori partono per partire, s'allontanano come palloni, al loro destino mai cercano di sfuggire, e, senza sapere perchè, sempre dicono: Andiamo!..." ( C.Boudelaire da " Il viaggio")